Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 set – C’è un fenomeno di cui non si parla mai ma che potrebbe avere conseguenze non solo per l’occidente ma anche per l’Africa stessa. Parliamo del sempre più crescente numero di afroamericani che stanno abbandonando gli Stati Uniti per costruirsi una nuova vita nel continente nero.

“Year of Return”

Tutto è iniziato nel 2019 quando il governo del Ghana, per incentivare il turismo, ha lanciato il “Year of Return”, una campagna volta a incentivare gli afroamericani a viaggiare in Africa per riscoprire le loro radici. La data di questa campagna non è casuale visto che in quella data cadevano i 500 anni della partenza della prima nave negriera che iniziava a trasportare schiavi verso l’altra sponda dell’Atlantico. Nel ricordare questo evento il governo del Ghana ha voluto offrire ai turisti afroamericani non solo la possibilità di viaggiare, ma anche di trasferirsi in Africa.

Tremila afroamericani sono oggi cittadini del Ghana

La campagna ha avuto un discreto successo non solo nell’attrarre turisti afroamericani ma anche nel convincere molti di loro a stabilirsi in Ghana. A tale proposito il governo ha offerto diversi incentivi quali la sospensione dei costi di trasferimento e ha negoziato con diversi capi villaggio l’acquisto di 500 acri (250 ettari) di terra per permettere a 1500 famiglie di trasferirsi. Secondo i dati forniti dal Ghana Tourist Authority da gennaio a settembre del 2019 sono stati 237 mila i turisti che hanno visitato il Ghana, un aumento del 45%, molti di essi erano afroamericani e tremila di loro hanno deciso di restare in loco.
Se la pandemia causata dal covid ha un po’ raffreddato gli entusiasmi, il governo del Ghana è intenzionato a continuare questa politica tant’e’ che ha lanciato un piano decennale per attirare sempre più afroamericani, convincendoli a trasferirsi in questo angolo d’Africa e invitato i cittadini ad accoglierli come fratelli e sorelle.
Giuseppe De Santis

3 Commenti

  1. Troppo rischioso. In Africa i governi cambiano in continuazione: il mio consiglio è di restare a vivere e lavorare in USA o Europa.

Commenta