Roma, 4 feb – Sono passati molti anni da quando, nel lontano 1994, il Ruanda venne devastato da una violenta guerra civile che fece milioni di morti e lascò ferite che tutt’ora lasciano il segno nella memoria di chi è sopravvissuto. Ora il Ruanda è una delle nazioni con la crescita economica più elevata di tutta l’Africa. Negli ultimi anni il presidente Paul Kagame ha offerto incentivi a tutti coloro che vogliono investire in questo piccolo Paese africano.

Il Ruanda produce smartphone economici

Non disponendo di materie prime, il Ruanda ha puntato sull’alta tecnologia, creando parchi commerciali e centri di formazione al fine di far nascere imprese che offrissero soluzioni high tech ai problemi del Paese. Di imprese ne sono state create diverse, ma il fiore all’occhiello di questa politica volta a stimolare investimenti nell’alta tecnologia è la Mara Group, una società con sede a Dubai che ha iniziato a produrre smartphone pensati per il mercato africano.

La Mara Group non si limita ad assemblare componenti, ma anche a progettare e produrre gli stessi, così da poter avere maggiori benefici economici. I suoi smartphone si caratterizzano per essere piuttosto economici, visto che il prezzo medio è di circa 59 dollari, un prezzo che le permette di competere con colossi come la Samsung.

Ovviamente il mercato del Ruanda è troppo piccolo per assorbire la produzione di Mara Group che quindi ha iniziato a esportare smartphone non solo in altre nazioni africane e in Paesi emergenti fuori dal continente. Di recente, ad esempio, ha siglato un accordo con la società angolana Misale per esportare smartphone in Angola. Questo accordo è stato siglato in Ruanda grazie a un evento organizzato dal Rwanda Development Board – a cui hanno partecipato compagnie angolane e ruandesi – e dimostra l’impegno del governo di Kigali nel promuovere i suoi prodotti tecnologici in tutta l’Africa.

Giuseppe De Santis 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta