Il Primato Nazionale mensile in edicola

Beirut, 11 apr – La tensione internazionale sta salendo alle stelle a causa del presunto attacco chimico nella città siriana di Douma. Il presidente statunitense Donald Trump, sotto pressione per il Russiagate, si è deciso a dare una risposta forte minacciando rappresaglie contro la Siria di Assad (e quindi contro Russia e Iran). Anche in sede all’Onu sono cadute nel vuoto diverse risoluzioni, proposte da ambo le parti, per tentare di risolvere la questione in maniera pacifica.
Se Trump è deciso a un attacco militare contro Assad, Putin non rimane certo a guardare. L’ambasciatore russo in Libano, Alexander Zasypkin, ha infatti rilasciato parole molto dure, in cui viene ventilata una reazione di forza dell’esercito russo. In un’intervista rilasciata alla rete televisiva libanese Al-Manar (vicina a Hezbollah) e ripresa dal Jerusalem Post e da Russia Today, l’ambasciatore ha dichiarato che, in caso di attacco americano, la Russia risponderà «abbattendo i missili» e «distruggendo le fonti di lancio» (cioè, molto probabilmente, i sommergibili Usa).
Se Zasypkin sta esacerbando gli animi, è stato invece Mikhail Bogdanov, vice ministro degli Esteri e inviato speciale di Putin in Medio Oriente, a tentare di distenderli: «Non credo che vi sia il rischio di un conflitto armato fra la Russia e gli Usa in Siria. Alla fine il buon senso dovrebbe prevalere sulla follia», ha dichiarato. Anche Mikhail Gorbaciov è intervenuto nel dibattito per gettare acqua sul fuoco, esortando ad accelerare i tempi per organizzare il summit Trump-Putin. Questo, secondo Gorbaciov, per scongiurare una specie di riedizione della «crisi cubana».
Vittoria Fiore





La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Giocare a far scoppiare petardi nel giardino del vicino per distrarre il mondo da uno scandalo che rischia di inabissare la credibilità di un paese come gli USA. Il bambinone Trump ha fatto il porcellone con le pornostar e saranno queste bombe in casa sua ad affondare l’America. Non certo Putin.

Commenta