Il Primato Nazionale mensile in edicola

ClintonRoma, 13 set – Sono strani, gli americani. Il fatto che Hillary Clinton abbia una particolare predilezione per l’ipotesi di una terza guerra mondiale viene considerato alla stregua di una curiosità biografica. La stessa, tuttavia, ha rischiato di dover lasciare la corsa alla Casa Bianca prima per aver usato una mail privata da Segretario di Stato, poi per il fatto di aver contratto una polmonite. Roba che da noi verrebbe relegata alle rubriche di Striscia la Notizia.

Lì, invece, prendono queste cose molto sul serio. Le ultime notizie sul suo stato di salute, dopo il malore avvenuto durante la commemorazione dell’11 settembre, parlano di polmonite e conseguente disidratazione. Il suo medico ha comunque confermato come l’ex first lady stia seguendo una cura di antibiotici. Intanto Hillary ha annullato tutti i suoi appuntamenti elettorali almeno fino a martedì prossimo. Trump, per una volta ostentando un’eleganza forse motivata da ragioni elettorali (agli elettori non piace chi infierisce su una signora malata), non commenta. Ma le voci su una possibile sostituzione della Clinton da parte del Partito democratico circolano prepotentemente.

Già qualche anno fa, l’ex first lady aveva dovuto lasciare la carica di Segretario di Stato per farsi curare un ematoma alla testa causato da una caduta. Rumors sul suo cattivo stato di salute si rincorrono da un po’, con tanto di fantasiose tesi su suoi sosia manovrati dai poteri forti. Di certo la sua candidatura assume caratteristiche sempre più fosche e opache. Ma a questa atmosfera da cupio dissolvi, la polmonite contribuisce in maniera davvero impalpabile.

Roberto Derta

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta