Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 mag – Correva il mese di aprile 2020, un’era fa, e di fronte alla strabiliante concessione del premier Giuseppe Conte – “si potranno incontrare i congiunti” – un po’ tutti ci chiedevamo se l’eventuale amico di letto rientrasse in questa definizione. Ma il rigorismo nordeuropeo quasi mai si tramuta in norme vaghe, così l’Olanda ha voluto specificare per non generare confusione tra i cittadini. In seguito a un acceso (infuocato, se ritenete più attinente alla materia in questione) dibattito, l’Istituto di Sanità olandese (Rvim) ha deciso che tutti potranno invitare a casa propria anche un “seksbuddy” (un “compagno di letto”) o anche un “cuddle buddy“ (ovvero un “amico di coccole”).

Via libera ai trombamici

Sì avete capito bene, senza troppo barcamenarvi nel discernere, l‘Olanda ha sdoganato i “trombamici” ai tempi del coronavirus. Via libera al sesso, ma pure a casti abbracci, tra le mura domestiche. Basta che consideriate il precipuo partner adatto all’uopo, che sia coccoloso o una tigre assatanata poco importa. La nuova norma è stata varata insomma per addolcire la quarantena ai single, privati da troppo tempo di contatti fisici. Va detto che gli olandesi stanno affrontando dal 23 marzo un lockdown già di per sé meno stringente rispetto a quello applicato in Italia. Ad esempio fin dall’inizio della parziale chiusura ad ogni nucleo familiare era consentito invitare a casa fino a tre persone alla volta. L’unica limitazione prevista era il mantenimento anche all’interno dell’abitazione di 1,5 metri di distanza. Poco più di un consiglio, considerata l’ovvia impossibilità di controlli a riguardo.

Sesso, coccole e chat erotiche

Adesso però le maglie si sono ulteriormente allargate, dopo tra l’altro che sul quotidiano Het Parool si sottolineava come il sesso sia un “diritto umano e non un lusso o un capriccio”. In tutto questo, i Paesi Bassi avranno valutato i rischi potenziali di incontri casalinghi tra “trombamici”? Certo, difatti si suggeriscono possibilmente contatti tra single nella stessa condizione di salute. “Potete incontrarvi se siete entrambi sani per scambiarvi un contatto fisico o sessuale, in altre parole sesso o solo coccole – si legge nel vademecum dell’istituto sanitario – Prendete dei buoni accordi, e siate sinceri l’uno con l’altro sul numero di altre persone che state vedendo, e ricordate che più persone incontrate più alto è il rischio“. Se tutto questo non avvenisse? Ecco pronta l’alternativa suggerita dallo stesso istituto olandese: usate chat erotiche o fate sesso telefonico. Vi pare, chi ci avrebbe mai pensato?

Eugenio Palazzini

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Esistono due tipi di single; quelli di serie A e quelli di serie B.
    I primi durante la singletudine non si fanno mancare occasioni per accoppiarsi.
    Per quanto riguarda i secondi,la loro vita sessuale è esclusivamente legata all’avere una relazione più o meno ufficiale.
    Lo sdoganamento della libera sessualità sembra creato apposta per distruggere il matrimonio e il concetto di famiglia.

Commenta