Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 ago — Puoi togliere il leopardo dalla foresta, ma non puoi togliere la foresta dal leopardo. Nemmeno se a fargli visita nella gabbia è un’avvenente modella, per di più attivista per i diritti degli animali.  Si è così trasformato in tragedia un servizio fotografico a Nebra, nella Sassonia-Anhalt (Germania), dove Jessica Leidolph, 36 anni, è rimasta sfregiata a vita dopo essere stata attaccata da un leopardo con il quale avrebbe dovuto scattare una serie di foto. Lo riporta il Daily Mail.



Leopardo sfregia a vita una modella

Troja — questo il nome del leopardo — vive in un centro privato per animali «in pensione» già impiegati in produzioni cinematografiche, spot pubblicitari ed altre attività commerciali. L’animale, dell’età di sedici anni, divide la gabbia con un altro felino della stessa specie, il cui nome è Paris. Alcuni anni fa entrambi erano apparsi in uno spot pubblicitario della Panasonic.

L’attacco

Secondo quanto riferito dai media locali, Jessica è entrata nel recinto dei leopardi quando Troja l’ha attaccata improvvisamente, accanendosi con ferocia contro la modella. Dopo l’attacco, Leidolph è stata trasportata d’urgenza in elicottero in una clinica specializzata dove è stata immediatamente operata. Dopo l’intervento avrebbe dichiarato alla Bild: «Era una furia. Continuava a mordermi la guancia, l’orecchio e la testa». Le ferite riportate dalla 36enne rimarranno un marchio indelebile sul suo volto.

Nelle ore immediatamente successive all’aggressione i media locali avevano erroneamente riportato che il predatore era fuggito dalla propria gabbia, creando il panico tra gli abitanti della zona. Fatto smentito in serata dal portavoce del distretto di Burgenland Steven Muller-Uhrig, che ha dichiarato: «L’animale non è mai fuggito. Attualmente non vi è alcun pericolo per la popolazione».

Cristina Gauri
Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta