congelamento-degli-ovuliNew York, 16 ott – Il mese scorso il premier Renzi aveva fatto visita alle eccellenze tecnologico-informatiche della Silicon Valley in California. Aveva incontrato i nostri concittadini emigrati, gli startuppers, i top scientist e gli opinion leader, i CEO di Twitter, Yahoo e Google. Insomma una scorpacciata di new economy, di futuro presente, di brillanti menti in grado di cambiare il mondo. Tutto vero e verificabile, lungi dal pensare il contrario, questa testata non esisterebbe senza il web. Ci si chieda cosa abbia portato dall’Italia il giovane premier: probabilmente il concetto che far figli e metter su famiglia non si concilia col lavoro e la carriera. Qui da noi non se ne fanno semplicemente perché non si trova di che lavorare, in California sono stati addirittura previdenti.

Facebook e Apple, i due colossi della comunicazione informatica, offrono la possibilità a tutte le donne in età fertile che collaborano con le due compagnie (udite udite) di congelare i propri ovuli a spese della ditta, per poter ritardare la maternità e non minare le possibilità di carriera aziendale. Sissignore, il concetto è chiaro: gentil donzelle lavoranti presso le nostre botteghe, il re ordina che sia fatto (tacito) divieto di procreazione allo scopo di perseguire i più alti e luminosi obiettivi aziendali e il benessere del regno, considerando la prole a guisa di fastidioso fardello.

Il sarcasmo è doveroso per tentare di rendere la notizia digeribile: le compagnie offrono dai 10mila ai 20mila dollari per – secondo il comunicato emanato da Apple – “dare alle donne il potere di fare il miglior lavoro possibile con le proprie vite, curando i loro cari e crescendo con le loro famiglie”. Certo, queste aziende hanno diversi benefit per le famiglie: maternità retribuita, asili nido, flessibilità negli orari e lavoro da casa. Ma a quanto pare costano troppo, mentre consentire ritardare eventuali gravidanze costerebbe, appunto, tra i 10mila e i 20mila, che poi è il costo della pratica di congelamento degli ovuli negli USA. Le polemiche ovviamente sono partite immediate, sulla totale mancanza di etica di queste scelte e sul fatto che queste società, a stragrande maggioranza composte da personale maschile, così facendo mascherino una politica interna aziendale discriminante per le donne.

Quindi il nuovo corso del mondo prevede che lavoro e famiglia non siano considerati allo stesso livello, sacri entrambi per la realizzazione del singolo in senso corporativo e il progresso delle nazioni che ne viene, ma anzi siano uno in antitesi all’altro, come se figli e famiglie siano un ostacolo al successo professionale di un ‘io’ monocellulare, egoistico, non inserito in un contesto di popolo e stirpe, ma come micro-mondo fine a sé stesso.

Non è il Medioevo che insegna la storia, ma un nuovo Medioevo, forse più cupo e nefasto per tutti.

Gaetano Saraniti

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here