Palmira, 4 giu – I turisti sono tornati in Siria, per la prima volta da quando è scoppiata la guerra nel 2011. Tutto merito di Solid, la Onlus che ha come obiettivo primario l’assistenza e il sostegno a quei popoli in lotta per la propria sopravvivenza, la salvaguardia della propria cultura e la difesa della loro identità. Ciò ha permesso di ricostruire un canale efficace di cooperazione e collaborazione tra l’Italia e la Siria, a oltre cinque anni dall’interruzione dei rapporti diplomatici, commerciali, culturali e turistici.

Quello di portare turisti in Siria è un traguardo storico, come si legge sulla pagina facebook dell’Associazione, per i volontari europei che dopo oltre cinque anni di attività umanitaria nel Paese martoriato dalla guerra sono potuti arrivare a Palmira. Il progetto di portare i turisti in Siria, a Palmira in particolare, è stato organizzato dall’associazione in collaborazione con il Ministry of Tourism in The Syrian Arab Republic e con la comunità siriana in Italia.

I primi turisti “solidali” europei hanno potuto visitare lo splendido sito monumentale devastato parzialmente dai terroristi, e il museo di Palmira, vandalizzato e depredato dai ribelli islamisti. Una visita guidata attraverso la suggestiva cornice della città e un’interessante visita nei padiglioni del museo hanno aiutato a comprendere meglio la bellezza senza paragoni del sito e la gravissima devastazione causata da furti e dalle demolizioni dei terroristi.

Ma il viaggio in Siria per i primi turisti europei post guerra non è stato solo Palmira. A Damasco hanno visitato la Casa di Anania, il martire cristiano che battezzò San Paolo. Le suore francescane della Custodia di Terra Santa hanno accolto il gruppo presso il Memoriale della Conversione di San Paolo, il luogo dove Paolo ricevette la celebre folgorazione miracolosa. Qui suore e frati portano avanti molte attività a sostegno della popolazione locale, tra cui il sostegno psicosociale per bambini traumatizzati dalla guerra: 50 cristiani e 50 musulmani, ulteriore testimonianza della magnifica convivenza tra religioni presente in Siria.

Per i partecipanti a questo primo straordinario viaggio è stato possibile anche incontrare il Gran Muftì di Siria, la più importante figura religiosa sunnita della nazione, che ha descritto il modello di convivenza religiosa presente nella Siria del presidente Bashar Al Assad, e ha raccontato ai presenti come non siano religiosi, ma meramente economici, i motivi dell’aggressione terroristica subita dal popolo siriano.

di redazione

Commenti

commenti

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here