Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 apr – Due missili “intelligenti” Usa da studiare per testarne il QI. È il bottino dell’esercito siriano consegnato ai militari russi.
Si tratta di due missili da crociera statunitensi inesplosi, lanciati in Siria durante l’attacco del 14 aprile. L’agenzia russa Tass, citando il ministero della Difesa di Damasco, riferisce che il trasporto dei missili dalla Siria alla Russia è avvenuto ieri, 18 aprile.
Entrambi i missili sono in buone condizioni, ha notato una fonte anonima. I russi però non confermano ufficialmente.
“Saremo in grado di apprendere in dettaglio gli ultimi sviluppi occidentali”: Mosca auspica di poter imparare molto dai due missili “catturati”. La Russia sarà, grazie a loro, in grado di “migliorare il proprio sistema di difesa missilistica e di guerra elettronica”, assicura Viktor Murakhovski, esponente del consiglio degli esperti per la Commissione per la produzione militare russa. “I risultati possono essere molto utili per il nostro Paese”, ha detto.
“Gli specialisti russi non copiano i modelli occidentali di armi, poiché abbiamo la nostra linea di sviluppo, ma saranno interessati a familiarizzare con gli ultimi sviluppi occidentali in questo ambito”, spiega Murakhovski all’agenzia Ria Novosti.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta