received_854747974572922Damasco, 19 giu – Nel caos mediatico che avvolge la crisi siriana una notizia sembra essere passata in sordina nei media occidentali.

Un gesto epocale che segna uno spartiacque storico nel processo di dialogo interreligioso tra mondo cristiano e mondo mussulmano. Uno straordinario atto di coraggio compiuto da un paese, la Siria, che da sempre ha fatto della convivenza e dell’equilibrio sociale e religioso il suo punto di forza.

Proprio nel momento in cui il califfato e i “ribelli moderati di Obama” mostrano il loro volto più crudele, uccidendo e deportando la popolazione inerme e distruggendo il patrimonio artistico e religioso del paese, lo stato siriano inaugura la prima moschea al mondo dedicata interamente al culto della Vergine Maria, la madre di Gesù Cristo, che per i mussulmani rappresenta un profeta cardine della tradizione divina.

È stata inaugurata a Tartous uno dei principali centri del paese e importante porto commerciale alla presenza del Ministro degli Affari religiosi della Repubblica Araba di Siria, il dott. Mohammad Abd Essettar, l’Imam Ali Hasan Ramadan, membro dell’Alta commissione religiosa di stato e i più alti esponenti delle Chiese cristiane in Siria.

L’inaugurazione della moschea non ha precedenti nella storia siriana e in generale del vicino oriente ma rientra nella più tipica tradizione religiosa islamica, basti pensare che alla Vergine Maria e a Gesù sono dedicate tre sure del Corano. Durante l’inaugurazione gli esponenti cristiani hanno potuto pregare insieme ai musulmani nella nuova Moschea.

Alberto Palladino

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedentePomodori immigrati e gitani spagnoli: cari vip, basta sparare fregnacce
Prossimo articoloScienza medica: arrivano le ossa stampate in 3D
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here