Il Primato Nazionale mensile in edicola

Damasco, 4 lug – Hudhayfah al-Badri, figlio di Abu Bakr al-Baghdadi, leader dell’autoproclamato Stato Islamico, è stato ucciso durante un attacco sferrato dai jihadisti a Homs, in Siria. Ad annunciarlo è stata l’agenzia del gruppo, Amaq, che parla di “un’operazione contro i Nusayriyyah” – è il termine spregiativo con cui i jihadisti sunniti indicano gli sciiti alawiti del presidente siriano Bashar al Assad – e “i russi alla centrale elettrica di Homs”, pubblicando la foto-eulogia del giovane che imbraccia un fucile d’assalto.
L’annuncio della morte del figlio adolescente di al-Baghdadi rilancia anche la caccia al “califfo” nella Siria orientale. I servizi iracheni sono convinti che si sia rifugiato al confine fra Siria e Iraq, dove ci sono ancora enclave in mano allo Stato islamico.
Le forze dell’esercito siriano, supportate dai russi, da settimane stanno riconquistando tutta la remota e poco popolata parte orientale del Paese.