Roma, 10 gen – Il Covid non è più così pericoloso e dunque va considerato in modo completamente diverso da quanto fatto sino ad ora. E’ quanto sostenuto dal primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, confermando di fatto quanto anticipato dal quotidiano El Pais. Il governo di Madrid è infatti in procinto di introdurre metodi di monitoraggio della pandemia alternativi, al netto dell’ormai evidente calo dei decessi in Spagna.

La Spagna chiederà all’Ue di considerare il Covid come un’influenza

“Abbiamo le condizioni di aprire, gradualmente e con cautela, il dibattito a livello tecnico ed europeo, per iniziare a valutare l’evoluzione di questa malattia con parametri diversi da quelli che abbiamo fino ad ora”, ha detto Sanchez durante un’intervista rilasciata alla radio Cadena Ser.

Ma nello specifico come intende muoversi adesso il governo spagnolo? Stando sempre a quanto riportato da El Pais, intanto iniziando a curare le persone come se il Covid fosse una comune influenza. In pratica l’esecutivo di Madrid vorrebbe smettere di contare, da ora in poi, ogni singolo caso di contagio. Evitando di fatto anche i test alla semplice comparsa di un minimo sintomo. Di conseguenza il Covid verrebbe trattato come una malattia respiratoria. Una svolta a cui le autorità sanitarie spagnole, peraltro, stanno lavorando dall’estate scorsa.

I piani di Madrid

Una pianificazione che ora entrerebbe quindi nella su fase finale. Questa settimana si attendono appositi incontri tra i rappresentanti tra le autorità sanitarie spagnole per discutere di questo radicale cambio di approccio.
Anche secondo Ivan Sanz, capo del National Flu Center di Valladolid, il Covid potrà presto essere considerato un virus influenzale. Forse già entro l’anno. “Nel tempo il Covid dovrà essere normalizzato e monitorato come il resto delle malattie respiratorie, con medici sentinella delle scuole primarie, che diagnosticano per sindrome clinica; facendo tamponi molecolari su pazienti ricoverati e proseguendo con lo studio del virus per vedere come muta”.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta