Il Primato Nazionale mensile in edicola

Madrid, 6 nov – Greta Thunberg ci “ricasca”: dopo la bottiglia di plastica anti “green” e il viaggio di ritorno iper inquinante del suo team di marinai adesso l’attivista per il clima, che ci accusa tutti di averle “rubato l’infanzia”, viaggia su un treno spagnolo che è tutt’altro che ecofriendly.

Il Trenhotel Lusitania

Greta Thunberg ha viaggiato, infatti, sul Trenhotel Lusitania da Lisbona a Madrid per “accorrere” al summit dell’Onu sul clima. L’attivista svedese e il suo team avrebbero percorso  circa 800 chilometri in 9 ore di tempo; ma di questo percorso, almeno 200 chilometri sarebbero stati asssai inquinanti.

Una locomotiva diesel

Nel tratto percorso dal Trenhotel Lusitania da Vilar Formoso-Medina del Campo fra Portogallo e Spagna la linea non è affatto elettrificata e il treno utilizza, per quei 200 chilometri, una vecchia locomotiva diesel. Secondo quanto riporta il sito CO2nnnet, le emissioni di Co2 per mezzo di trasporto preso a riferimento, in questo caso un treno diesel, sono pari a 0,06 chilogrammi di Co2 per passeggero; la sola tratta dei 200 chilometri percorsi dalla nostra Greta, insomma, avrebbe prodotto anidride carbonica pari a 48 chilogrammi.

Auto elettrica? No grazie

Non solo; Greta avrebbe facilmente potuto evitare questi 48 chilogrammi di fumi tossici utilizzando un’auto elettrica. Le era stata offerta da Fernßndez Vara, presidente della regione dell’Estremadura. Il che è strano, perché solo ad ottobre Arnold Schwarzenegger, dopo aver incontrato Greta in Austria lo scorso maggio ed essersi detto “stordito” dall’incontro con l’adolescente, quando Greta è giunta negli Usa si è mosso a “compassione”  vedendo le sue difficoltà di spostamento volendo mantenere la sua condotta “green” e gli ha offerto la sua Tesla. 

Pure lo yacht non era una buona scelta

Dopo aver attraversato l’Atlantico a bordo dello yacht ecosostenibile del principe Casiraghi, invece, un portavoce del co-skipper dello yacht, il tedesco Boris Herrmann, in un’intervista al quotidiano berlinese Taz dichiarò che un team di specialisti avrebbe volato  a New York per riportare l’imbarcazione in Europa. Greta Thunberg, quindi, ha causato più emissioni di gas serra col suo viaggio in barca dal Regno Unito agli Stati Uniti che se avesse volato. Secondo i calcolatori di emissioni atmosferiche, un volo da New York ad Amburgo ha un impatto climatico di circa 1.800 chilogrammi di anidride carbonica.

Ilaria Paoletti

3 Commenti

  1. Voi diffondete falsità! Come si può evincere da COMUNI…GATTO tratto da IL GATTO MATTO QUOTIDIANO del 5 dicembre. Dopo svariati convegni simposi scientifici consessi assortite conventicole autoorevoli scienziati dotti ricercatori sembrerebbe assodato certificato…Greta no peta…zero emissioni autentico portento…pianeta può sperare…
    Alla faccia di disfattisti ecologici!