egitto strage sinaiIl Cairo, 5 nov – Nessun problema strutturale, nessun missile. A far esplodere e precipitare sul Sinai l’Airbus russo della Kolavia-Metrojet in volo da Sharm el-Sheikh a San Pietroburgo è stata una bomba. Lo sostengono i servizi americani.

Disastro del Sinai: una bomba dell’Isis?

Ancora non esiste certezza matematica, ma “c’è la chiara sensazione che si sia trattato di un ordigno esplosivo messo in una valigia o in altre parti dell’aereo”, spiega una fonte citata dalla Cnn.

L’ipotesi che a compiere l’attentato siano stati i fondamentalisti islamici aleggiava nell’aria già da qualche tempo ed è confermata anche dalle autorità britanniche e irlandesi. Londra e Dublino hanno infatti, sulla base dei sospetti che si sia trattato di “un ordigno esplosivo” – come si legge nella nota di Downing Street – a causare la tragedia nel Sinai, deciso la “sospensione immediata” di tutti i voli in partenza dalla località turistica da dove decollò l’aereo russo.

I sospetti

Secondo le prime indiscrezioni, la bomba potrebbe essere stata messa o in una valigia o in un carrello delle cibarie servite a bordo. Nel primo caso, al fine di superare i controlli di sicurezza, l’ordigno sarebbe stato messo nel bagaglio direttamente all’interno dell’area “protetta” – analoga ipotesi anche per la seconda evenienza, quella del carrello del cibo. Maggiori dettagli arriveranno dall’analisi delle scatole nere e dei resti del velivolo.

Strage del Sinai: la nuova rivendicazione dell’Isis

Intanto, dopo quella iniziale arriva un’altra rivendicazione da parte dell’Isis. Dal sedicente Stato Islamico è giunto infatti un file audio nel quale si attribuiscono la responsabilità della strage: “Siamo stati noi, non riveliamo come abbiamo fatto, lo faremo nel momento che riterremo opportuno”, si sente con tono di sfida nella voce registrata.

Roberto Derta

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here