Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 24 ott – Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani è, come noto, un cosiddetto moderato che difficilmente utilizza un linguaggio forte per esprimere pareri. Una presunta dote che difficilmente lo porta ad essere criticato dai media. E’ altrettanto certo però che affermazioni come quella odierna all’Eurocamera non passano inosservate, visto che finiscono per trasformare la storia con in ucronia. “Non credo che in quest’aula ci siano nostalgici o eredi del nazismo e della dittatura comunista sovietica, due orribili e devastanti sistemi politici che hanno arrecato ferite profonde all’Europa”, ha ha dichiarato Tajani specificando poi che “queste due dittature sono scomparse grazie all’Unione europea”.
Ci siamo persi noi qualche passaggio cronologico o il presidente del Parlamento europeo ha sul serio detto implicitamente che il nazismo è sopravvissuto al secondo conflitto mondiale? Abbiamo letto un romanzo fantascientifico di Urania o Tajani ritiene davvero che a sconfiggere sul campo Hitler sia stato l’esercito dell’Ue? Mentre qualcuno nel frattempo penserà che l’Inno alla gioia di Beethoven riecheggiava a Berlino tra le truppe alleate in un tripudio di bandiere blu con stelle dorate, l’eurodeputato britannico Nigel Farage ha osato mettersi a ridere. “Sembra che abbiate problemi con la storia”, ha detto Farage rivolgendosi a Tahani. “Dire che l’Unione europea ha provocato la caduta del nazismo e del comunismo sovietico non è solo ridicolo – ha poi aggiunto l’eurodeputato inglese – è anche insultante per gli Stati Uniti, che hanno fatto un sacrificio enorme per fare in modo che l’Europa venisse liberata due volte durante un secolo, e in misura minore il Regno Unito come testimoniano i 30mila britannici morti in Italia”.
A prescindere dalle valutazioni storiche e politiche, a colpire ovviamente non è tanto la replica di Farage, quanto la successiva risposta stizzita di Tajani, che evidentemente non ha capito di aver sparato una baggianata. “C’è poco da ridere, c’è da rispettare le idee degli altri, risus abundat in ore stultorum – ha ribattuto il presidente dell’Europarlamento – Farage impari a rispettare gli altri, perché questa è la democrazia, lei evidentemente è nostalgico di qualche dittatura se non rispetta le opinioni degli altri. Noi abbiamo sempre rispettato le sue, lei non ha alcuna autorizzazione a non rispettare quelle degli altri. Rimanga in silenzio”. Ora, sarà pur vero che il riso abbonda sulla bocca degli stolti, ma (non ce ne voglia Tajani) a sentire certe dichiarazioni a volte viene da ridere anche a chi almeno un Bignami di storia contemporanea l’ha sfogliato.
Eugenio Palazzini
 

 

6 Commenti

  1. dopo aver letto l’azzeccatissimo corsivo del valente Eugenio Palazzini non volevo davvero credere che una megaboiata come questa fosse stata sul serio pronunciata dall’euroinomane di turno a Bruxelles;
    sono andato quindi a vedermi il video relativo (quello con il sonoro originale) e tal Tajani non si è mica limitato ad una sola bocciatura agli esami di Settembre in Storia, ma ha proseguito azzardando che:
    “la dittatura comunista ha finito la sua stagione quando molti Paesi dell’Est Europa sono entrati a far parte della Unione Europea” (!!!)
    dopodichè anche You Tube mi è andato in blocco e ho dovuto con fatica riavviare il PC.

  2. Tajani poi ha sparato ancora con la balla molto publicizzata che l’Europa ha portato 70 anni di pace.E la distruzione della Jugoslavia con gli aerei di paesi europei e con l’uccisione di migliaia di civili dove la mettiamo?? E aver costretto la Grecia ad una povertà terribile e a svendere tutti i beni pubblici è una cosa pacifica.Questi burocrati strapagati la devono smettere di mentire e di prenderci per scemi

  3. Senza parole,un commediante neanche troppo bravo……….è chiaro e palese che frequentando le stesse aule dove junkerino e moscovicino spargono i loro nauseabondi olezzi chimico alcoolici , il pierino tajani sia ottenebrato ed ubriacato da tale gas puzzolente…….. oppure c’è troppa droga magrebina in giro,troppa erba……..viste le decisioni prese a livello europeo evidentemente di drogati in quel parlamento di parassiti ignobili ce ne sono parecchi,zecche rosse senza dignità in cima alla lurida classifica.

  4. Umberto Lambertini, veramente lei sproloquia e delira come Tajani che oggi è contro il “reddito di cittadinanza”, quando nel 2017 era a favore dello stesso reddito insieme a Berlusconi, con il nome di “reddito di dignità”. Storicamente I sovietici stavano perdendo la guerra, ma intanto venivano aiutati dagli anglo-americani con il corridoio persiano. Gli USA, padroni della cinematografia mondiale, non hanno MAI accusato il comunismo nei loro film e se lo hanno fatto, solo in minima parte e del tutto marginale, mentre film contro il nazionalsocialismo sono all’ordine del giorno da decenni.

  5. Umberto Lambertini è lei che ha iniziato a discutere in maniera delirante di fatti storici in difesa delle scimmie sovietiche; sarebbe bene invece discutere sulla reale situazione usuraia UErss di MoscoWC con gli anencefali berlusconiani come Tajani e simili che credono di farla da padroni perché il popolino viene letteralmente sommerso e purtroppo annientato con media economico-finanziari al limite del ridicolo, adoperando un discreto numero di mitragliatrici di cazzate.

Commenta