Il Primato Nazionale mensile in edicola

Addis Abeba, 19 nov – L’esercito etiope oggi ha accusato il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus di appoggiare le forze dissidenti nella sua regione natale del Tigré, devastata dalla guerra.

L’accusa dell’esercito: “Tedros dell’Oms lavora per il Tplf”

Il capo dell’esercito Berhanu Jula ha affermato che Tedros si sta assicurando il sostegno politico e militare dal Fronte di liberazione popolare del Tigré (TPLF) mentre quest’ultimo combatte un’offensiva armata al governo etiope. “Ha lavorato nei Paesi vicini per condannare la guerra. Ha lavorato per i dissidenti per fargli ottenere armi”, ha detto Berhanu in una conferenza stampa, sostenendo che Tedros “non ha lasciato nulla di intentato” per aiutare il TPLF. “Questo ragazzo gioca con quella squadra”, ha detto Berhanu. “Cosa vi aspettate da lui? Non ci aspettiamo di certo che si schieri con il popolo etiope e condanni [il TPLF]”. Il capo dell’esercito, tuttavia, non ha fornito alcuna prova a sostegno delle sue affermazioni.

Ma il direttore dell’Oms non replica

Tedros, ora direttore dell’Oms, è un ex ministro della salute etiope e il tigrino più famoso all’estero. Ha prestato servizio nel governo del Tigré prima che il potere trentennale del Tplf terminasse con la nomina del primo ministro Abiy Ahmed nel 2018. Abiy, vincitore del premio Nobel per la pace lo scorso anno, accusa il TPLF di destabilizzare il suo governo e punta al gruppo con un’offensiva militare. Tedros deve ancora rispondere alle affermazioni dell’esercito, avvenute durante la pandemia di coronavirus che ha portato il capo dell’OMS a una preminenza globale senza precedenti.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta