Roma, 31 lug – Ancora terrorismo antifascista, stavolta in Francia. Un congegno esplosivo artigianale è esploso nella notte tra sabato e domenica a Marsiglia, davanti ai locali del movimento politico dell’Action Française, che si rifà alla rivista e al movimento fondati nel 1898 e caratterizzati dall’ideologia del nazionalismo integrale di Charles Maurras. La sede politica si trova in rue Navarin, nel pieno centro della città portuale francese. La bomba è esplosa verso le 4 del mattino. Non ci sono stati feriti, solo il portone dello stabile è stato lievemente danneggiato. L’attentato sembrerebbe legato al “Fronte rivoluzionario antifascista di Provenza”, che sulla sua pagina facebook parla di “autodifesa popolare” in relazione alla bomba (poco dopo pubblicizza l’ultima brochure del movimento, sulla “Necessità della violenza rivoluzionaria”…).

Commentando i fatti, Action Française Provenza ha ricordato “i numerosi atti di intimidazione e di aggressione subiti negli ultimi due anni: invio di bombe a mano e proiettili di kalashnikov nei suoi locali, vandalismo, effrazioni, aggressioni multiple verso i suoi militanti con spranghe di ferro, coltelli e altri proiettili”. Af ricorda anche che “la stampa locale, con le sue numerose diffamazioni, menzogne e resoconti partigiani ha in maniera implicita incoraggiato gli ambienti di estrema sinistra a praticare la violenza contro i nazionalisti e i patrioti in generale, o anche contro i monarchici, come siamo noi”. Il comunicato spiega infine che l’estrema sinistra, “sempre pronta ad assalire, a distruggere, a tradire, non mancherà di trovarci sempre sulla sua strada. Non aspetteremo un morto per difenderci e siamo sicuri che i francesi, che sempre più numerosi detestano questi falsi ribelli, ci raggiungeranno”. A Marsiglia, in effetti, la saldatura tra estrema sinistra antinazionale e immigrazione allogena crea una miscela particolarmente esplosiva, a cui comunque i patrioti riescono a far fronte. Tanto che, per fermarli, si è costretti a ricorrere a simili mezzi…


Giorgio Nigra

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here