Il Primato Nazionale mensile in edicola

New York, 22 nov – Il futuro è qui ma nel frattempo c’è qualche incidente di percorso. Il miliardario Elon Musk, patron di Tesla ha presentato questa notte Cybertruck, il pick-up elettrico e iper resistente. Ma qualcosa è andato storto.

Durante la presentazione di Cybertruck, l’estroso Elon Musk, CEO di Tesla, ha chiamato un collaboratore sul palco per dimostrare, stile venditore di tappeti, la resistenza della scocca della macchina. Il collaboratore ha, quindi, obbedientemente preso a martellate l’auto; Musk ha anche  mostrato le immagini in cui il Cybertruck, colpito con proiettili di calibro 9 millimetri, rimaneva integro.

Un tallone d’Achille

Ma un piccolo fallimento ha ridicolizzato una altrimenti roboante presentazione; al momento del test della resistenza dei vetri, come mostra il video condiviso da Repubblica.tv, il coraggioso Musk ha chiesto al suo fedele collaboratore di lanciare un oggetto di metallo (grande come una palla da tennis) contro i finestrini per dimostrarne la resistenza; peccato che, all’impatto, i vetri si siano fatti in mille pezzi. Musk ha sorriso per stemperare la tensione e ha detto: “Bé, forse questo è stato troppo forte”. Al secondo lancio contro un altro vetro, però, le cose non sono andate meglio; pure questo si è frantumato. “C’è margine di miglioramento” chiosa Musk subito dopo.

Cybertruck dovrebbe essere messo in commercio per la fine del 2021 negli Usa; è concepito in tre versioni, e quella base costerà 39.900 dollari (36mila euro). Quella con un doppio motore elettrico si aggirerà sui 49.900 dollari (45mila euro) mentre quella con tre motori costerà 69.900 dollari (63mila euro). La versione base ha un’autonomia di 400 km, la seconda di 480 km, e la terza di 800 km. Attenti a non colpire i vetri, però.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. si è crepato, non frantumato, il che è abbastanza prevedibile. certo magari esistono “vetri” (policarbonato?) antiproiettile migliori, è stato piuttosto stupido non usarli per la dimostrazione. cmq pure io ne ho crepato uno, ed era uno di quelli veri. scusate ma da ragazzo ero uno stronz.

  2. Io rompevo i vetri delle auto in borghese erano le alfette 2000 con vetri da 9 cm e pesava un casino con le candele dei motorini nei primi anni 80 e se avessi beccato.la tesla avrebbe fatto la stessa fine dei antiproiettili di quella volta ahaha

Commenta