Roma, 13 dic – “L’ho detto forte e chiaro: abbiamo vinto la prima volta e la seconda abbiamo vinto ancora di più. E sembra che dovremo pensare fortemente a una terza volta”. Le parole di Donald Trump suonano come un avviso a Joe Biden ma soprattutto ai repubblicani Usa: il tycoon è pronto a ricandidarsi alle presidenziali statunitensi del 2024. Ben più delle solite evocazioni, stavolta Trump fa capire esplicitamente che ha intenzione di ripresentarsi. Sa di poter contare ancora su un ampio consenso e al contempo gongola per lo scarso apprezzamento di cui gode – tra i cittadini americani -l’attuale presidente dem.

Trump punta al 2024: “Biden è banderuola controllata da Obama”

Dato per fuori dai giochi fino a pochi mesi fa, estromesso dai principali social e apparentemente ritiratosi a vita privata, adesso nessuno si azzarda a considerare Trump soltanto un vecchio pensionato. Neppure gli esponenti del suo partito, che come detto temono un ritorno sulla scena politica dell’uomo più inviso. Preoccupante soprattutto per i sostenitori della più tradizionale linea repubblicana. Bordeline e imprevedibile, Trump è difatti in grado di destabilizzare di nuovo la normalizzazione dei rapporti tra i due principali schieramenti americani. Intanto, prima di scoprire definitivamente le carte, tuona contro “Sleepy Joe”, bollandolo come “una banderuola controllata da Barack Obama”. Bordata particolarmente apprezzata dal pubblico di Orlando, in Florida, dove durante un evento pubblico Trump ha sfoggiato il suo repertorio di frecciate senza quartiere.

Ma l’ex presidente Usa ha mostrato pure un’insolita cautela nel pronunciarsi su questioni più delicate, come l’indagine sul figlio dell’attuale leader della Casa Bianca. “Non voglio far male a una famiglia”, ha detto Trump a proposito della possibile indagine su Hunter Biden. Gli applausi si sono allora trasformati in “buuu”, segno che i suoi sostenitori amano gli attacchi al fulmicotone, molto meno l’apparente diplomazia.

La Clinton è convinta: “Correrà di nuovo”

Intanto anche Hillary Clinton si dice consapevole della probabile ricandidatura del suo nemico giurato. “Se fossi una persona che scommette, in questo momento direi che Trump correrà di nuovo“, ha dichiarato ieri l’ex segretario di Stato degli Stati Uniti. “Ma voglio che le persone capiscano che questo è un punto decisivo. Cederemo a tutte queste bugie, a questa disinformazione e a questo sforzo organizzato per minare il nostro stato di diritto e le nostre istituzioni, o resisteremo?”, si chiede la Clinton.

Eugenio Palazzini

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta