Il Primato Nazionale mensile in edicola

New York, 27 giu – Donald Trump torna all’attacco: i democratici “hanno usato il Covid” per cambiare l’esito delle elezioni presidenziali del 2020, ma “presto ci riprenderemo l’America“. L’ex presidente non si arrende e anzi ribadisce: “Abbiamo vinto le elezioni due volte ed è possibile che dovremo vincerle una terza volta”.



Trump in Ohio per il primo comizio post-presidenza

Trump è proprio convinto che l’esito delle ultime presidenziali sia stato truccato e non cambia idea. Tanto che nel corso del suo primo comizio Maga (ossia Make America Great Again) post-presidenza, che si è tenuto in Ohio, dinnanzi a migliaia di persone, lancia nuove accuse contro i dem. L’occasione è la campagna a sostegno di Max Miller, un suo ex collaboratore alla Casa Bianca, che sta sfidando alle primarie Anthony Gonzalez, uno dei 10 deputati repubblicani che hanno votato per l’impeachment di Trump dopo l’assalto al Congresso.

Per il tycoon le elezioni 2020 sono “la grande truffa”

Ebbene, nel corso del suo intervento l’ex presidente Usa è tornato sulla sua sconfitta alle elezioni del 2020 contro l’attuale presidente dem Joe Biden sostenendo ancora di aver “ottenuto una grande vittoria”. Per il tycoon le elezioni sono state truccate, tanto che le definisce “la grande truffa“. Trump poi non manca di criticare duramente l’amministrazione Biden esortando i suoi sostenitori a sostenere i repubblicani nelle elezioni di mid-term del prossimo anno. “Dopo soli cinque mesi, l’amministrazione Biden è già una catastrofe completa e totale“, afferma Trump alla manifestazione organizzata a Wellington.

“Biden si inchina davanti ai nemici”

L’ex presidente degli Usa – boicottato dai social e dai media schierati con i dem – attacca anche la vicepresidente Usa Kamala Harris per le sue politiche sull’immigrazione: “Kamala Harris, il vostro vice presidente, è andato alla frontiera per una semplice ragione, perché io ho annunciato che ci sarei andato”. Infine Trump sul fronte della pandemia rivendica il fatto di essere stato lui a ottenere i vaccini contro il Covid “a tempo di record”. Così come di aver sostenuto fin dal primo giorno che il virus arrivava da Wuhan. Da qui l’accusa finale contro Biden, che si inchina “davanti ai nemici”, Cina, Iran, “davanti a tutti”.

Adolfo Spezzaferro



La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta