Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 ott – Pur essendo uno dei più importanti produttori di diamanti in tutta l’Africa, l’Angola ha ricavato pochi benefici da questa situazione per via del fatto che le preziose pietre sono poi tagliate e processate altrove. Un’anomalia che ha impedito al Paese di beneficiare in pieno della ricchezza mineraria di cui dispone, per questo il governo ha di recente deciso di agire offrendo incentivi alle imprese per tagliare il loco i diamanti prodotti e produrre gioielli.

Diamanti e gioielli “made in Angola”

Di recente è stato inaugurato il terzo laboratorio di taglio e pulitura di diamanti da Pedra Rubra, società che produce anche gioielli e possiede nella capitale Luanda cinque negozi.
Questo laboratorio costato cinque milioni di dollari è in grado di processare cinquemila carati grezzi al mese.
Commentando l’apertura di questo laboratorio il ministro delle risorse minerarie Diamantino Azevedo ha dichiarato che il governo vuole non solo estrarre diamanti ma anche pulirli, tagliarli e commercializzarli così da sviluppare anche la produzione di gioielli e per tale motivo il settore è stato aperto agli investimenti privati. Non solo: è anche allo studio l’apertura di una borsa dei diamanti.
Anche se questi sforzi da soli potranno fare poco per ridurre gli alti tassi di povertà in Angola, la scelta va nella giusta direzione visto che consente di aggiungere valore alla produzione di diamanti e sicuramente avrà importanti ricadute economiche che porteranno grandi benefici nel medio termine.
Giuseppe De Santis

2 Commenti

  1. Certo che se il Ministro delle risorse minerarie e che quindi si occupa di diamanti si chiama “Diamantino” Azevedo, beh la strada dovrebbe essere in discesa!
    Comunque a parte la battuta la strada è quella giusta, speriamo che non intervenga qualche “esporta diritti umani-democrazia-uguaglianza-ecc- “

  2. sarà giusta per loro se riescono a guadagnarci.
    la strada giusta per noi invece,è investire sul NOSTRO territorio,i soldi che vengono sprecati per comprare pietruzze lucenti che nel 999 per mille dei casi NON rendono quasi niente se confrontati anche ad un semplice azionario a dividendo (per non parlare se investiti per creare ricchezza
    in macchinari,fabbriche e atrezzature)
    e quasi sempre sono ancora più sprecati se comprati per una donna,visto come stanno andando
    relazioni,convivenze e matrimoni oggi.

Commenta