Il Primato Nazionale mensile in edicola

Montevideo, 5 giu – Un agente della Polizia stradale di Paysandu, in Uruguay, rischia una bella lavata di capo se non addirittura il licenziamento per una multa “molto particolare”.

Virale sui social network

L’agente di polizia stradale, in breve un vigile urbano, ha infatti assegnato una multa ad una signora avvenente, fermata con la scusa di una violazione al codice stradale, e come motivazione sul foglio recante la sanzione amministrativa ha specificato che la donna era stata fermata per  “eccesso di bellezza”: nel verbale avrebbe altresì confessato la propria ammirazione e amore. La foto della contravvenzione, che risale al 25 di maggio, come prevedibile, è è diventata virale sui social network del paese sudamericano, non prima di essere stata ripresa da diversi media locali che hanno messo il focoso vigile alla berlina.

Un verbale “romantico”

Il vigile ha imputato all’amata l’articolo del codice stradale uruguayano che sanziona condotte pericolose per la circolazione, come ad esempio parlare al telefono o messaggiare al volante. In breve “Imprudenza alla guida”. Solo che alla fine non ha resistito dall’accusarla di “circolare con con eccesso di bellezza” e concludere il verbale vergando la scritta “ti amo”. Purtroppo, al giorno d’oggi il romanticismo non sempre viene compreso dalle istituzioni, e il povero vigile innamorato adesso rischierebbe grosso. Stando, infatti, a quanto riporta la stampa locale, l’uomo potrebbe essere sospeso in via temporanea per “uso di un documento pubblico senza autorizzazione e a fini non previsti”. La legge non si ferma davanti a niente – nemmeno davanti ad un eccesso di bellezza.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta