RABBRoma, 6 dic – In una lettera indirizzata ai deputati del Congresso, mille rabbini statunitensi hanno lanciato un appello per l’apertura delle frontiere agli immigrati, in risposta alla decisione della Camera dei rappresentanti, a maggioranza repubblicana, di chiudere fino a nuovo ordine i confini per i rifugiati siriani e iracheni.

Il testo è stato pubblicato sul sito dell’Hebrew Immigrant Aid Society (HIAS), organizzazione ebraica fondata nel XIX secolo e attiva nelle questioni legate all’immigrazione. Nella missiva, la situazione dei rifugiati siriani è paragonata a quella degli ebrei durante la Seconda guerra mondiale: “Dal giorno della loro creazione, gli uomini più vulnerabili nel mondo hanno trovato rifugio e protezione negli Usa. In ogni tempo, tra questi rifugiati ci sono stati degli ebrei. Dopo che erano riusciti a fuggire successivamente dai pogrom della Russia zarista, dagli orrori dell’Olocausto, dalle persecuzioni in Urss e Iran, i nostri parenti e amici sono arrivati a mettersi al sicuro su queste terre. Di conseguenza, noi non possiamo non allarmarci vedendo tanti politici affermare la loro opposizione all’accoglienza dei rifugiati”.

Anche l’Anti-Defamation League, potente organizzazione ebraica in gradi spesso di condizionare la politica statunitense, ha condannato quei politici che, per via dell’emergenza terroristica, stanno chiedendo maggiore severità alle frontiere.

Giorgio Nigra

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here