Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 mar – In tema di vaccinazioni anti Covid il Marocco avrebbe già superato Francia, Germania e Italia per numero di dosi somministrate, e starebbe scalando le classifiche mondiali arrivando a battere anche la quasi totalità degli Stati europei. Il Marocco, quindi, non solo assurge allo status di Paese più «virtuoso» del continente africano in fatto di politiche anti Covid, ma si appresta a sorpassare anche molti Paesi occidentali.



In Marocco quasi il 10% di cittadini hanno ricevuto la vaccinazione

Secondo i dati diffusi dal ministero della Salute di Rabat, al 27 febbraio 3.600.000 abitanti del Paese hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid. Su una popolazione totale di circa 37 milioni di persone, questa cifra rappresenta quasi il 10%. Meglio, come detto, di quanto abbia fatto l’Italia.  Questi dati collocano così il Marocco al decimo posto mondiale per percentuale di popolazione sottoposta a vaccinazioni: per la precisione, il 9,75% del totale. E se – quasi inarrivabili – ai primi posti figurano Israele (93%), Gran bretagna (30,7%), e Usa (22%) degli Usa, lo stato nordafricano «bagna il naso» al 7,1% degli italiani, il 7,3 dell’«efficiente» Germania e al 6,9 dei francesi.

Black Brain

Primo vaccinato: il Re

Un successo notevole, ottenuto grazie a una «politica a tappe forzate». E dire che la campagna vaccinale era partita in sensibile ritardo – più di un mese – rispetto alla tabella di marcia degli Stati Ue, con le prime vaccinazioni partite il 28 gennaio scorso. Il primo a ricevere simbolicamente la dose, per dare un esempio virtuoso al resto del Paese, era stato proprio il re Mohammed. Da lì il percorso sanitario ha portato il Marocco a rappresentare il 94% delle persone vaccinate di tutto il continente africano. Da dove deriva l’approvvigionamento di dosi del Marocco? Dalla cinese Sinovax e dalla britannica AstraZeneca (con licenza di produzione ceduta all’India). L’obbiettivo del governo  è ambizioso: immunizzare l’80% degli abitanti entro la fine di aprile.

Cristina Gauri

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

Commenta