Roma, 5 dic – Appena due mesi dopo aver ricevuto i loro primi droni armati turchi Bayraktar TB2, le Royal Armed Forces (Far, Forze armate del Marocco) si stanno già preparando a effettuare un nuovo ordine con il suo produttore, il gruppo Baykar. Secondo le nostre informazioni, i soldati di Maometto VI stanno per acquistare almeno sei aerei, oltre al primo lotto già ordinato, e parzialmente consegnati.

L’entusiasmo delle Far per la TB2 fa parte di uno scoppio di tensioni militari nel Sahara occidentale, che sono aumentate da quando i militari e i gendarmi marocchini hanno assunto Guerguerat, il valico di frontiera con la Mauritania, nel novembre 2020. Rabat sta già usando i suoi droni per monitorare il territorio conteso, ma anche per effettuare attacchi armati. I tre camion civili algerini distrutti il 1° novembre in quest’area sono stati probabilmente presi di mira da un attacco con droni.

Marocco, corsa agli armamenti contro l’Algeria

Più in generale, l’esercito marocchino è impegnato in una corsa agli armamenti senza precedenti con il grande rivale algerino, padrino del fronte di indipendenza saharawi, Polisario. L’Algeria, che ha acquisito droni molto prima del Marocco, paradossalmente è rimasta indietro. I suoi CH-3 e CH-4 cinesi stanno vivendo problemi di affidabilità e manutenzione, mentre l’Al Djazaïr 54 assemblato in Algeria – in realtà una versione locale dello United 40 prodotto dalla società emirata Adcom Systems – ha anche deluso molto il personale dell’Esercito Popolare Nazionale 

…e Algeri risponde così

Per non essere lasciato indietro da Rabat, Algeri ha recentemente ordinato non meno di 24 droni Wing Loong II Male (media altitudine lunga durata) dalla Aviation Industry Corporation of China (AVIC), secondo il sito web specializzato Menadefense.net. Con questo secondo ordine, Rabat consolida così la sua posizione di primo cliente africano di TB2. Coloro che sono impegnati in Libia contro le forze del maresciallo Khalifa Haftar dal 2020 sono gestiti direttamente dall’esercito turco e l’Etiopia ha ordinato solo una dozzina di TB2 .Tuttavia, le FAR stanno attenti a non dipendere da questo unico fornitore, strettamente legato al potere politico di Ankara: il direttore delle attività militari di Baykar, Selçuk Bayraktar, non è altro che il genero del presidente Recep Tayyip Erdogan.

Legami con Usa e Israele

Il Marocco ha quindi aumentato i legami con Israele, approfittando della visita del ministro della Difesa Benny Gantz a Rabat per firmare un accordo di cooperazione militare il 24 novembre. È stato raggiunto un accordo con Israeli Aerospace Industries (IAI) per l’acquisizione di droni suicidi Harop, che potrebbero essere ampliati con la creazione di una catena manifatturiera locale, e con l’acquisto di droni di osservazione tattica da BlueBird Aero Systems, una filiale al 50% di IAI. Anche prima che il Marocco normalizzasse le sue relazioni con lo Stato ebraico, le FAR avevano acquisito droni di osservazione Hermes 900 da Elbit Systems, così come tre Harfangs, una versione dell’Airone IAI prodotta su licenza da Airbus.

Allo stesso tempo, le FAR hanno avviato discussioni con gli Stati Uniti alla fine del 2020 per l’acquisizione di quattro droni di osservazione MQ-9B SeaGuardian, costruiti da General Atomics e dedicati alla sorveglianza marittima. Ma l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sembra meno entusiasta di quella di Donald Trump. Rabat ha già quattro droni MQ-1Predator disarmati, dello stesso produttore, e sarebbe un candidato logico per l’acquisizione della sua evoluzione MQ-1C Gray Eagle: è progettato per essere interoperabile con gli elicotteri d’assalto Apache AH-64 di Boeing, di cui le FAR hanno ordinato 24 copie.

Roberto Favazzo

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta