Roma, 1 gen – Da diversi anni lo Zimbabwe viene usato come esempio di ciò che non funziona in Africa, ma anche in questo Paese disastrato è possibile vedere segnali positivi che dimostrano che coi giusti incentivi ogni nazione africana può crescere. A tale proposito è importante notare che nel 2022 la crescita economica dello Zimbabwe è stata del 4%, un calo rispetto al 4,8% previsto alcuni mesi fa, legato all’alto tasso di inflazione che affligge questo Paese. Il tasso mensile dell’inflazione ha raggiunto in Zimbabwe un picco lo scorso luglio, quando si è attestato al 30,7%. Di qui l’idea governativa: introdurre una nuova moneta in oro, da vendere al pubblico per cercare di fermare l’inflazione in costante crescita.

Perché lo Zimbabwe ha introdotto una moneta d’oro

In pratica lo Zimbabwe dalla scorsa estate cerca di agganciare la nuova moneta in oro al valore dell’oro a livello internazionale, il tutto per stabilizzare l’economia. Questa politica monetaria dovrebbe far sentire i suoi effetti soprattutto nel 2023, anno in cui l’economia della nazione africana dovrebbe crescere del 3,8% grazie anche al buon andamento dell’agricoltura, del settore minerario, del settore edilizio e del turismo.

Il settore minerario è particolarmente importante per lo Zimbabwe, che può contare su grossi depositi di oro, diamanti e platino. Al riguardo il governo di Harare ha approvato di recente una legge molto particolare: prevede che i diritti di sfruttamento vengano pagati per metà in moneta e per l’altra metà in minerali. Ciò dovrebbe consentire alle compagnie minerarie di poter pagare lo Zimbabwe anche in caso di perdite.

Giuseppe De Santis

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Faranno di tutto per segargli questa possibilità quantomeno limitando con i carati.
    A proposito, fatevi raccontare lì a Roma, da qualche raro ma conosciuto buon operatore di compro oro, gioielli, orologi, la procedura per l’ acquisto di monete d’oro (sterline p.es.), ne sentirete delle belle (riportatele grazie), e capirete che oggi per pararsi il culo in caso di disgrazia è rimasta solo la possibilità di darlo via…!! Una volta, tempi altamente antidemocratici, non era così.

Commenta