Roma, 1 gen – Vittorio Feltri ha scelto di lanciare il suo personale “botto” di inizio anno, andando a punzecchiare la scrittrice Michela Murgia e definendola sui propri social «brutta come l’orco».

La battuta al vetriolo di Vittorio Feltri

Che il direttore di Libero parli con una schiettezza ed una sincerità ai limiti della provocazione è cosa nota, così come la sua capacità di scardinare con il suo sarcasmo tabù e luoghi comuni. A farne le spese questa volta è la scrittrice sarda Michela Murgia, una di quei soloni del progressismo e del femminismo spesso più triviali. Così Vittorio Feltri se ne esce, per cominciare bene il nuovo anno, con una battuta un po’ cattivella delle sue: «La scrittrice Murgia non mi piace non per quello che dice o scrive ma perché è brutta come l’orco». Un colpa di sciabola che ha fatto impazzire i social, andando a toccare con la leggerezza di un elefante un nervo scoperto del politicamente corretto come la body positivity.

Gli screzi precedenti

Non è la prima volta che Feltri mette nel mirino la Murgia. Esattamente un mese fa aveva fatto un paragone tra il presidente del governo Giorgia Meloni e la scrittrice a dir poco ingeneroso verso quest’ultima: «La Meloni a scuola era la prima della classe, e ora si vedono i risultati meritati. E sapete perché la Murgia è così cattiva? Perché è brutta come una strega». Insomma, non proprio il massimo della cortesia. La diretta interessante non si è ancora espressa sulla questione, giornali come Repubblica già parlano di «offesa». Se invece vogliamo trovare delle critiche più argomentate di Feltri nei confronti della Murgia, possiamo ritornare al 2021 quando il direttore di Libero stroncò come «Dizionario nel Gulag» le battaglie linguistiche della scrittrice sarda, la quale voleva sostituire la parola «patria» con «matria» per un linguaggio più inclusivo e meno patriarcale.

Michele Iozzino

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Lo sappiamo Vittorio, ecco perché ce l’ha tanto con la Meloni, perché non le somiglia affatto. Però ce l’ha anche con Madre Natura che non le ha fatto la grazia di essere come la Meloni. Che ce voi fà, ce la dobbiamo tené così, non la si può mica buttà nella monnezza? O forse si, si può ? e che s’aspetta?

  2. […] L’uscita di Vittorio Feltri su Michela Murgia, come ovviamente prevedibile, ha mandato su tutte le furie le femministe di tutto il web unite. Tra accuse di sessismo, maschilismo e l’immancabile body shaming, a scrutare neanche troppo attentamente i social, è una continua invettiva contro il fondatore di Libero. Qualcuno ha deciso però di alzare l’asticella della replica stizzita, mettendo mano alle solite paroline magiche che toccano il cuore degli indignati antifà, o per meglio dire ai due termini puntualmente utilizzati a sproposito tanto per non rischiare di passare per originali: fascismo e squadrismo. […]

Commenta