Il Primato Nazionale mensile in edicola

Il trading online ha conosciuto nell’ultimo anno e mezzo una crescita esponenziale. Alla base del successo potrebbe esserci certamente l’emergenza pandemica che per lunghi mesi ha costretto in casa molti italiani aumentando la presenza online. Ma non va nemmeno sottovalutato il crescente aumento dell’uso di Internet in mobilità, tramite smartphone sempre più performante. L’uso capillare di Internet sul cellulare fa sì che si possa essere connessi durante tutto l’arco della giornata, aumentando così anche la possibilità di dedicarsi ad attività come il trading online che oggi può essere fatto anche da un piccolo dispositivo mobile.



Tale successo porta anche a domandarsi quale sarà il futuro per i broker nei prossimi mesi e anni. La crescita costante del settore infatti, da una parte a un’aumentata concorrenza, dall’altra alla necessità di essere sempre tecnologicamente più avanzati nelle piattaforme e caratteristiche da offrire ai propri utenti. Solo coloro che si adegueranno alle innovazioni resisteranno e cresceranno nel mercato, così come del resto accade in tutti i settori della società. E’ giusto allora chiedersi: quali sono i broker che vanno per la maggiore in questo momento in Italia?

I tre broker più popolari in Italia

La crescita del trading online in Italia ha sicuramente attirato sul mercato del nostro paese molti operatori internazionali. Tra questi, quelli che stanno prevalendo sono quelli che sono riusciti ad offrire agli utenti solidità finanziaria, soluzioni tecnologicamente avanzate, e un ottimo servizio cliente. Non va tralasciata naturalmente anche l’offerta di una piattaforma e un supporto nella nostra lingua, visto che tutti non amano dover operare in inglese.

In questo momento, i tre broker più popolari in Italia sono:

  • .XTB
  • Capital.com
  • eToro

Esaminiamo rapidamente le caratteristiche salienti di ognuno, e le ragioni del loro successo.

XTB, broker con grande attenzione ai costi bassi

XTB è sicuramente indicata per chi vuole ridurre i costi di trading, sia che si tratti del costo intrinseco del piazzamento di un’operazione (spread bid/ask) sia che non vogliano essere gravati da costi estranei, come le spese di bonifico. XTB offre una leva massima fino a 500:1 per gli utenti non europei, mentre i conti in Europa e dunque anche italiani possono ottenere una leva finanziaria fino a 30:1, come previsto dalla normativa UE. L’azienda pone l’accento sull’assistenza clienti e offre strumenti educativi pertinenti e servizi di ricerca adatti anche a trader alle prime armi.

Capital.com, tecnologia al servizio degli utenti

Capital.com è stata fondata nel 2016. Ha oltre 1.000.000 di clienti e opera in oltre 50 paesi. Mira a consentire ai clienti al dettaglio e aziendali la possibilità di negoziare in una varietà di mercati finanziari e utilizzare la tecnologia AI per fornire idee e consigli di investimento. Il broker è completamente regolamentato e protetto da varie autorità, utilizza la tecnologia più recente per migliorare user experience e offre spread estremamente interessanti. La piattaforma è facile da usare e le applicazioni mobili vantano funzionalità impressionanti. Per gli investitori che desiderano informarsi sui mercati finanziari, sulle tecniche e sulle condizioni economiche, Capital.com è un ottimo punto di partenza.

eToro, puoi copiare i più bravi

EToro permette ai propri clienti di scambiare azioni, valute tradizionali, contratti per differenza e criptovalute. Il successo di eToro è legato anche al meccanismo del Copy Trading. In sostanza, qualsiasi piccolo trader può copiare gli investimenti degli utenti eToro di maggior successo, verificandone statistiche e profitti passati e “clonandone” il portafoglio in modo da poter avere gli stessi successi che stanno avendo i migliori. Questo consente anche a piccoli trader con poca esperienza di “saltare le tappe” seguendo le mosse dei migliori.

Conclusioni, il futuro del trading in Italia

Il trading è cresciuto moltissimo in Italia in particolar modo negli ultimi due anni, non solo a causa della crisi pandemica ma anche grazie al costante progresso tecnologico e all’utilizzo capillare degli smartphone. XTB, Capital.com ed eToro sono i broker che si sono affermati come i più diffusi tra gli utenti italiani. Il futuro ci dirà se sapranno consolidarsi in tal senso o altri nuovi attori conquisteranno fette importanti di mercato nel nostro Paese.

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta