Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 1° feb – Comunque vada a finire questa crisi di governo dall’esito assai incerto, una cosa è sicura: Giuseppe Conte avrà sempre un fido alleato, impassibile di fronte anche alla più disgustosa capriola dei pentastellati e dell’ex avvocato del popolo. Stiamo parlando, ovviamente, di Marco Travaglio, che ieri ha battibeccato con Lucia Annunziata proprio per difendere a spada tratta il premier dimissionario. Durante la puntata di ieri di Mezz’ora in più, infatti, il direttore del Fatto Quotidiano ha rischiato di avere un infarto, per poi trincerarsi nel suo autismo filo-grillino. Il motivo? La conduttrice di Rai3 aveva avuto l’impudenza di dire: «Conte non è stato eletto da nessuno».

Sangue di Enea Ritter

La posizione di Conte

Al centro del dibattito, insomma, c’era la questione della legittimità politica di Giuseppe Conte. Un avvocato venuto fuori dal nulla che però, pur cambiando le maggioranze, non ne vuole sapere di rinunciare alla poltrona di Palazzo Chigi. «Non va bene che si elegga un avvocato come garante di un contratto [di governo], un avvocato che con la politica non c’entra niente», sono state le parole della Annunziata che hanno tramortito Travaglio. «E chi l’ha detto? Dove sta scritto che non si può nominare il presidente del Consiglio un esterno indicato dal partito di maggioranza relativa? Ne abbiamo avuti altri», ha quindi ribattuto il direttore del Fatto. Ma la conduttrice aveva la risposta pronta: «Chi? Monti? Sicuramente, ma quello è stato un momento di lacerazione per il Paese».

Black Brain

Lo scontro Annunziata-Travaglio

Messo alle corde dalla Annunziata, Travaglio tira fuori un altro precedente: «Ne abbiamo avuti moltissimi [di premier non eletti]. Anche Prodi non era parlamentare quando venne eletto presidente del Consiglio nel 1996». Il paragone, però, non regge: «Ma Prodi venne eletto a capo di un partito che ha presentato il suo nome come premier», incalza la conduttrice. E al direttore del Fatto Quotidiano non resta che rifugiarsi in calcio d’angolo: «È perché eravamo nel maggioritario». A questo punto, la Annunziata taglia corto e chiude la polemica: «Su questo non saremo d’accordo. Perché io penso che negli ultimi dieci anni sia questo che ha reso fragile il sistema. Da Monti in poi, l’accettare una serie di premier che non sono nati dopo le elezioni politiche, ma sono nati come eccezioni. Per Monti è stata la crisi dei mercati, poi Renzi, anche lui non era eletto… È lo stesso problema, peggiorato con Conte».

Il video

Vittoria Fiore

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Non si può del tutto escludere che Conte sia stato a letto con nessuno.
    Mannaggia a me che sbaglio a capire !

Commenta