Milano, 14 ott – Passano gli anni, ma quando c’è da dissacrare con qualche barzelletta il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi non perde un colpo. Ne ha dato dimostrazione ieri alla convention #IdeeItalia, dove, intervistato dal direttore del Giornale Alessandro Sallusti, è stato chiamato a esprimere un’opinione sull’attivista svedese Greta Thunberg. Gliel’ha servita su un piatto d’argento: Berlusconi ha subito estratto dal cilindro una barzelletta – che sembrava più un aneddoto – a base di Viagra, bellissime ragazze svedesi e battutona finale, mandando i presenti in visibilio.


E ha concluso, ritornando semiserio: “Greta non è certo paragonabile alle ragazze della barzelletta, ma penso che sia strumentalizzata, e la teoria che lei presenta non penso sia giusta. Lei propone il fermo dello sviluppo dei Paesi industrializzati – prosegue – cosa che non è possibile, e io non credo che sia possibile che miliardi di persone, in nome della tutela dell’ambiente, rinuncino a mangiare, spostarsi e limitare i propri consumi là dove ritenuti inquinanti”. Per Berlusconi i ragazzi che hanno manifestato in Italia “hanno sicuramente dei sentimenti nobili, da apprezzare, ma non è quella la direzione da seguire se vogliamo limitare l’inquinamento”

Cristina Gauri

Commenta