Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 29 – Sta facendo molto discutere la rivelazione fatta da Roberto Castelli sulla sua disavventura con il vaccino anti-Covid. L’ex ministro ha raccontato la sua esperienza personale a Tagadà, programma di approfondimento condotto da Tiziana Panella su La7. «Sono una vittima del vaccino, anche se ancora non lo posso provare, ma ragionevolmente è così», afferma un Castelli visibilmente abbattuto. Che poi spiega: «Mi sono vaccinato a fine luglio, ho passato agosto e settembre con la febbre. Ho degli esami che dicono che sono ad altissimo rischio trombosi. Incrocio le dita e spero di uscirne».



«La mia esperienza cozza con il mainstream»

L’ex senatore della Lega, ormai ritiratosi dalla politica attiva, aggiunge inoltre che «il paradosso è che mia moglie non si è vaccinata, ha fatto il Covid e sta benissimo». Poi però Castelli, narrando della sua esperienza negativa con il vaccino, si lascia andare a un po’ di ironia: «Da questo punto di vista dovrei essere oscurato da Telegram, perché porto una narrazione diversa da quella del mainstream», riferendosi a un recente caso di cronaca. Fatta la battuta, l’ex guardasigilli chiarisce: «Non sono un no-vax, tant’è vero che mi sono vaccinato. Ma adesso ci penserei due volte».

Castelli: «Prima del vaccino stavo bene»

A precisa domanda della conduttrice, Castelli illustra meglio la sua situazione: «Stavo bene prima del vaccino, non ho mai avuto nulla. Ma adesso è saltato fuori questo valore sballato che purtroppo ho imparato a conoscere, il D-Dimero, che è un indicatore del pericolo di trombosi che uno si porta: roba che io non ho mai avuto. Adesso incrocio le dita perché questo valore è molto elevato», aggiunge l’ex ministro. «Sono una sorta di dead man walking, e faccio le corna».

Il video

Vittoria Fiore



La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Se Castelli è ancora vivo e senza gravi disabilità allora non gli è andata peggio di altri.
    A me risulta che la lega sia tuttora schierata compatta per il passaporto verde anche a tutti i lavoratori, l’intervista pietosa è la solita porcata elettorale per portare voti novax alla lega sivax.

  2. Io sono un morto che lavora, nonostante due medici del lavoro sia rimasti sconvolti (con la s minuscola) quando gli ho detto che lavoravo ancora.

    Già ho una cardiopatia ischemica, un pregresso ictus ischemico, due valvole cardiache su quattro in progressivo deterioramento, preferisco non aggiungere altre patologie al carniere per evitare le figure di m… già fatte
    https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2014/06/21/la-truffa-del-supervirus-a-novartis-16-milioni-per-i-vaccini-inutili21.html
    durante pregresse #Pandebufale dell’ #OrganizzazioneMondialeStronzate
    http://www.nuovainfluenza.salute.gov.it/nuovainfluenza/paginaInternaNuovaInfluenza.jsp?id=13&menu=nuovaInflu&id_dettaglio=13
    al Governo di turno comandato di salvare i bilanci delle case farmaceutiche.

Commenta