Roma, 3 feb – Il centrodestra è sempre più ai ferri corti. A essere particolarmente piccata è soprattutto Giorgia Meloni, che non ha affatto gradito la parte recitata da Matteo Salvini e Silvio Berlusconi nel «romanzo Quirinale». E la leader di Fratelli d’Italia è stata molto chiaro in proposito, anche in pubblico. Le sue parole durante l’ultima puntata di Quarta Repubblica hanno fatto scalpore. Intanto per il suo attacco frontale a Salvini, ma poi anche per le sue parole indirizzate al presidente di Forza Italia: «Quando ho dato l’ok a Berlusconi – ha detto – non l’ho fatto per deferenza, io a Berlusconi non devo niente, ho fatto una scelta politica».

Berlusconi irritato con la Meloni

Questa uscita della leader di Fdi, essendo stata pronunciata su un canale Mediaset, pare abbia mandato su tutte le furie l’ex Cavaliere: come riferisce la Stampa, «raccontano che Silvio Berlusconi si sia molto irritato, lunedì sera, sentendo la Meloni che sulla sua Rete 4 ha detto di non “dovere niente” al leader di Forza Italia». E infatti, conferma Dagospia, «si vocifera che l’ospitata di Giorgia Meloni a Quarta Repubblica su Rete 4, lo scorso 31 gennaio, abbia innescato parecchi mal di pancia a Mediaset». In particolare, «a masticare amarissimo sono state due “zarine”: Siria Magri condirettore di Videonews, la testata giornalistica di Mediaset, nonché moglie di Giovanni Toti, e la “badante” di Berlusconi e grande amica di Salvini, Licia Ronzulli».

Fratelli d’Italia banditi da Mediaset

Le parole al veleno della Meloni su Berlusconi, prosegue Dagospia, avranno conseguenze molto serie: «Gli “addetti ai livori” sostengono che il tandem Magri-Ronzulli stia spingendo per tenere fuori da Mediaset gli esponenti di Fratelli d’Italia, con il pretesto di voler dare voce soprattutto ai partiti di governo (cioè tutti, tranne Fdi). Si registrano già le prime ritorsioni: cancellate le ospitate di esponenti del partito della Meloni da Zona bianca di Giuseppe Brindisi e Dritto e rovescio di Paolo Del Debbio». Tu chiamale se vuoi: ritorsioni.

Vittoria Fiore

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. è il comportamento naturale
    dei TRADITORI:
    cercare di far sparire le proprie colpe negandole.

    perfino giuda ha avuto un minimo di dignità è si è impiccato,
    ma la coppia salvini-berlusconi non ha nemmeno quella.

    fortunatamente per uno si aprirà presto una bella cassa da morto…
    visto che va dentro e fuori dagli ospedali ormai da anni,
    presto si leverà dalle scatole e la finirà di far danni,
    mentre l’altro sparirà a breve,visto che il suo partito pagherà
    con un calo pesante – basta vedere il crollo di renzi –
    l’adesione al governo e il voltafaccia
    alle presidenziali:
    non credo proprio che resterà il capo della lega ancora a lungo.

Commenta