Ci sono centinaia di officine in Italia dove meccanici e clienti entrano per essere semplicemente quello che sono: appassionati di motori. Si tratta di chiese laiche per comunità di fedeli della meccanica divina. Le loro parabole riguardano velocità, curve, tenuta di strada, ma anche pistoni, cinghie, scarichi, centraline. E bulloni, viti, chiavi. Chi entra, anche se in giacca e cravatta, idealmente indossa una tuta.

All’interno di questi luoghi fa da altare il banco prova, dove testare le prestazioni di un’automobile senza muoverla. Si tratta di un complesso di macchinari e strumentazione che permette di effettuare prove eseguendo verifiche di potenza e simulazioni stradali. La macchina viaggia senza muoversi, affrontando tutti i tipi di condizioni stradali.

Il banco prova: viaggiare senza muoversi

Per sapere chi sei, e cosa guidi, c’è quindi la prova del banco. L’auto viene messa sotto esame, analizzata nel minimo dettaglio. Viene verificato il funzionamento del motore e della trasmissione, si cercano guasti, si verifica se un intervento è andato a buon fine. Un check up da un bravo medico, che può essere anche sportivo: dipende dal paziente.

Se infatti si è in cerca di prestazioni, il banco prova rappresenta il miglior blocco di partenza. Il banco infatti può essere utilizzato anche per la preparazione del motore nella ricerca delle prestazioni migliori o di una messa a punto mirata all’ottenimento della prestazione desiderata sia in termini di potenza che di riduzione delle emissioni e dei consumi.

Un’auto provata al banco: la regina Lancia 037

Chi ha un banco prova in officina può aver visto passare negli anni di tutto: dalle due alle quattro ruote, dal proprietario velleitario di un’auto di poche pretese al possessore di un pezzo di storia dell’automobilismo. Ne sanno qualcosa alla RTC – Racing Technologies & Components, dove sul banco hanno messo molte auto, da prototipi a supersportive, da versioni stradali a puro racing.

Fra queste una regina, la Lancia 037 gruppo B, l’ultima vettura a trazione posteriore a vincere un mondiale rally. Un’auto che non ha bisogno di presentazioni, nata nel 1982 come erede della Stratos HF e che l’anno dopo si laurea campione del mondo. Un titolo conquistato con un abito da cerimonia sontuoso: la livrea Martini Racing. Il titolo mondiale costruttori del 1983 ha rappresentato la summa del lavoro congiunto di Abarth, Lancia e Pininfarina, che ancora oggi agita i sogni degli appassionati.

Alla RTC l’hanno messa su di un banco prova dinamometrico (cioè frenato): attraverso il freno elettrico si contrasta stabilmente la potenza erogata dal motore misurandone al tempo stesso le prestazioni e i parametri di lavoro. Il freno elettrico a correnti parassite raffreddato ad aria utilizzato non richiede l’allacciamento alla rete idrica; e in più è sufficiente un solo operatore per la gestione dell’intera sessione della prova. Per l’occasione la regina non aveva la sua livrea, ma il motore non ha perso certo la sua corona.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta