Roma, 27 set — Quel che si dice vedere il bicchiere un po’ troppo pieno, al limite del delirio: tra i consiglieri comunali dem capitolini c’è qualcuno che non riesce ad ammettere la clamorosa sconfitta del Pd, uscito malconcio dalla debacle 18-2 nei collegi uninominali, vedendola piuttosto come un «segnale positivo» e «di crescita».

Il Pd vede il bicchiere un po’ troppo pieno

Leggendo un comunicato pubblicato dall’agenzia di stampa Dire alle ore 18:31 di lunedì 26 settembre, ci si imbatte in una quantomai bizzarra analisi del risultato elettorale, tutta a favore del Pd che a Roma «non solo ha tenuto ma è addirittura cresciuto: dal 16,4% delle comunali dello scorso anno, che hanno portato Roberto Gualtieri alla guida del Campidoglio, al 23,2% di queste ultime politiche che ne fanno il secondo partito della capitale (dietro a FdI al 28,6%)». Quando si dice «sapersi valorizzare».

Il particolare che i dem capitolini evitano di evidenziare riguarda però la collocazione geografica di questa presunta «crescita»: la zona centrale e semicentrale della città, roccaforte della sinistra-bene che per votare Pd uscirebbe di casa anche sotto le bombe. Come detto sopra, i dati dei collegi uninominali riportano i dem alla cruda verità: su 20, i democratici ne hanno conquistati appena due.

Oltre i Parioli, il nulla

Allontanandosi dai Parioli, dunque, gli elettori della Capitale hanno spernacchiato i democratici, le loro istanze e la mancanza di risposte a questioncine come il caro bollette, la sicurezza e la crisi economica; nella debacle ha sicuramente giocato il proprio ruolo anche un anno di gestione-fantasma della Capitale da parte dell’amministrazione Gualtieri. Ma il Pd cerca di edulcorare la Caporetto attraverso le lenti rosa delle percentuali di Roma Centro. «Intanto inizierei a chiedere una riunione del gruppo e della maggioranza capitolina, perché il dato romano soprattutto quello delle periferie, ci parla anche di come stiamo amministrando la città», ha scritto su Facebook l’ex segretario romano dem Marco Miccoli.

«I consiglieri comunali Pd di Roma sono stati capaci di fare un comunicato stampa nel quale parlano di “Pd in crescita in città” e di “riconoscimento al lavoro di Gualtieri”. A Roma la partita nei collegi è finita 18 a 2 per la destra. Tanti auguri al prossimo segretario nazionale», ha osservato il giornalista Stefano Cappellini su Twitter. «Più imbarazzanti delle sconfitte, spesso, ci sono le letture in chiave positiva delle stesse. In questo il PD è maestro». Ci vuole talento pure per questo.

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Mio Dio che bravi sono questi consiglieri DEM ; se riescono a trasformare una sconfitta come questa in una vittoria hanno risolto tutti i futuri problemi. Allora auguri per tante altre sconfitte così, tanto voi le trasformerete. Complimenti, brevettate l’invenzione !!! Ahh Ahh Ahh

Commenta