Brindisi, 13 feb – “Per andare a raccogliere il pomodoro in provincia di Foggia senza di quelli tutti scuri noi il pomodoro non lo raccogliamo”: queste le parole del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, esponente di spicco del centrosinistra.
La frase incriminata sarebbe stata pronunciata durante un dibattito pubblico  da Emiliano a cui ha partecipato anche il consigliere della Lega Andrea Caroppo.


Il video in cui è possibile ascoltare il presidente pugliese riferire queste parole è stato pubblicato da Puglia Reporter sul proprio sito internet: un’altra considerazione incriminata sarebbe stata posta in altra maniera, come un invito a non “incitare” gli italiani contro gli immigrati. “Non devi incitare il popolo della periferia italiano contro quegli altri perchè di quegli altri hai bisogno“: “quegli altri” sarebbero, naturalmente, gli immigrati.

Insomma, Emiliano non è altro che l’ennesimo esponente di una sinistra sempre più concentrata su temi distanti da quelli che quotidianamente affrontano gli italiani come, ad esempio, la mancanza di lavoro o la “concorrenza sleale” (mista a sfruttamento ai limiti della schiavitù) da parte della manovalanza a basso costo di immigrati spesso clandestini: in tale contesto, questa situazione di estremo disagio – per i pugliesi e per gli stranieri – diviene una ricchezza. Non è tuttavia nei pensieri del presidente della Regione Puglia che questo “arricchimento” in realtà è solo per chi “sfrutta” questi lavoratori.

Gli incresciosi fatti di agosto accaduti proprio a Foggia che hanno visto perdere la vita, nel giro di due giorni, a 16 braccianti africani in incidenti stradali distinti mentre si recavano – ammassati come bestie – a raccogliere i pomodori sembrano non aver insegnato nulla al “democratico” presidente pugliese.

Ilaria Paoletti

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here