Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 nov – In questi giorni si fa un gran parlare delle Sardine e sembra quasi sia tutto perfettamente orchestrato per renderle, come dice Marco Rizzo (Partito Comunista) un’arma di “distrazione di massa” oppure un’astuta manovra del Pd per farsi propaganda mascherata da sollevazione di piazza – visto che questo “movimento” (ora sotto copyright)è nato in Emilia-Romagna dove il presidente uscente Bonaccini, in quota dem, si ritrova sfidato dalla Borgonzoni (Lega) alle prossime regionali.

Telese: “Sardine come ribelli del Libano”

E se ancora avessimo dubbi in proposito, sono definitivamente dissipati da Alessia Rotta del Partito Democratico che stamane, in diretta a L’aria che tira ha tributato i massimi onori alle Sardine. “Anche il Pd è rimasto sconvolto da questa massa” dice Luca Telese, anch’egli ospite in studio. “Ma quali masse?” dice Ignazio La Russa, prendendo in giro il giornalista. “Questo Mattia Santori ha la forza, l’impudenza, degli stessi che in Libano hanno fatto cadere un potere che era lì da quarant’anni. In Cile hanno ritirato i decreti”. Ed è tutto molto bello, ma cosa ci azzecca con le Sardine e con i loro eventuali “meriti” – ancora tutti da dimostrare? Il conduttore Francesco Magnani, pragmaticamente, taglia la testa al toro: “Forse al Pd basterebbe che quelle piazze si trasformino in voti”. “La bellezza di quelle piazze” dice poeticamente la Rotta “è che non le puoi chiudere in un barattolo”. “Quindi non dobbiamo dargli un’etichetta politica, perché la loro bellezza è questa. Queste piazze mi ricordano Se non ora quando, le primavere arabe” continua la Rotta. “Le Sardine sono un esempio di felicità pubblica” dichiara la Rotta.

Le Sardine a Piazza Pulita

Le sardine navigano a vista e mostrano di avere un unico collante che le tiene unite: prendersela contro Salvini. Così ieri a Piazza Pulita su La7, intervistate da un entusiasta Corrado Formigli, hanno mostrato di avere poche idee ma tutte rigorosamente confuse. “Ci sono cose così buffe in una piazza di persone così giovaniPer esempio sentire cantare Bella Ciao, ma per te cos’è Bella Ciao? Ti emoziona? O ti sembra una cosa da vecchi?”, chiede Formigli alla sardina Joy Temiloluwa. La ragazza, di origini nigeriane, replica senza troppa convinzione: “Io direi che a questo punto è una canzone che ha sicuramente un significato forte. Ma… non so… sicuramente non è quello il messaggio che vogliamo mandare, ecco”.

Ilaria Paoletti

2 Commenti

  1. Certo che ricordano le “primavere beduine”! TRA I ” dirigenti” di questo “spontaneo” SARACCUME, spontaneo quanto l’ accensione di una sigaretta, (nel nostro caso, forse meglio uno SPINELLO, n.d.r.), ci sono delle facce color merda. Dei: “baby/goumiers”. Degli INVASORI VIGLIACCHI! INDEGNI! ASSASSINI! Adoratori di un “dio” sottosviluppato! negro! & fasullo! Buona Fortuna! ITAGLIA!

  2. A me ricordano …. PESCI IN BARILE (vedasi dizionario ….)

    la zecca invece pensa alle primavere di SOROS ? Forse sa qualcosa che
    noi ignoriamo , io farei indagare i servizi …..

    Persino Craxi (prima di essere indagato da SoccorsoRosso) chiese di
    estradare lo zingaro e processarlo per maneggi sui cambi …..
    (crollo della lira cambio a 2.500 £ per $ …. dal precedente 550 £)

    rotta …. nomen omen

Commenta