Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 25 gen – Continua a far discutere la vergognosa sparata di Alan Friedman contro Melania Trump, definita senza mezzi termini una «escort». E a commentare con durezza il fatto è stato anche Matteo Salvini: «Alan Friedman è un piccolo uomo, un ominicchio, un quaquaraquà, uno che sghignazza dando della putt**a alla moglie del presidente degli Stati Uniti». Così si è espresso il segretario della Lega durante l’ultima puntata di Non è l’arena, il noto programma condotta su La7 da Massimo Giletti.



Salvini affonda Friedman

Insomma, Salvini è quantomai indignato per le parole di Friedman, che peraltro sono state pronunciate a Uno Mattina, sulla Rai, e cioè il servizio pubblico. Proprio per questo il leader leghista parla di «squallide ospitate» e aggiunge: «Spero di non rivederlo più in nessun canale televisivo. E vorrei sapere se queste sue squallide ospitate sono state gratuite o a pagamento». Spiega Salvini: «Ovviamente io da Massimo Giletti, come da chiunque altro, ci vengo gratis e ci mancherebbe altro. Però non vorrei che qualcuno fosse anche pagato per dire sciocchezze».

Black Brain

L’autoassoluzione dei radical chic

Salvini si stupisce quindi delle tiepide reazioni della sinistra italiana, dallo stesso Friedman che ha derubricato la sua performance a «battuta infelice», per arrivare fino a Laura Boldrini, che ha parlato di un «inciampo linguistico». Neanche fosse un congiuntivo fuori posto di Di Maio. «Se certe schifezze vengono dette dalla parte nobile dei radical chic e dagli intellettuali di sinistra – spiega Salvini – sono battutine, non ci sono insulti, non c’è sessismo. Mi auguro che quel signore – e signore è già una parola grossa – non abbia più la possibilità di insultare nessuno, quantomeno dalla televisione pubblica». Infatti, conclude Salvini, «su La7 siete una televisione privata e potete invitare chi volete, sulla televisione pubblica, che guarda anche mia figlia di otto anni e che pagano sessanta milioni di italiani, questo no».

Il video

Vittoria Fiore

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. i ban sono sempre un errore.

    quando poi parla questo doppiatore di Oliver Hardy…crea almeno un neofascista al minuto.

    se poi vi è in collegamento anche la Rula comesichiama,nel giro di mezzora hai un intero battaglione di camice nere….

    i famosi “picchiatoouuri” secondo la definizione del primo.

  2. Senti da che pulpito. Solo Salvini può insultare? Raggi, Zingaretti, Boldrini, i terroni, mo pure Friedman…

Commenta