Roma, 2 giu – Forse è un caso o forse no. Ma è un fatto che il famigerato summit sul panfilo Britannia avvenne proprio il 2 giugno, ossia il giorno della festa della Repubblica. Era, infatti, il 2 giugno 1992, esattamente trent’anni fa. A quel simposio sulle privatizzazioni, organizzato a bordo dello yacht di Sua Maestà, fu invitato il gotha della finanza e dell’industria italiana. Tra cui, com’è noto, figurava quel Mario Draghi che allora occupava lo scranno di direttore generale del Tesoro, e che sarà indiscusso protagonista del colossale processo di svendita del nostro patrimonio pubblico durato per tutti gli anni Novanta. Ed è proprio di tutto questo che parla il Primato Nazionale nel suo nuovo speciale.

Guarda anche: «Un vile affarista, liquidatore dell’industria pubblica». Quando Cossiga demolì Draghi (Video)

I segreti del Britannia 30 anni dopo

A trent’anni di distanza dall’evento, ne sappiamo senz’altro di più. Ma non ancora abbastanza. E le nubi non si sono del tutto diradate. Il convegno sul panfilo Britannia, infatti, è sempre stato oggetto di dibattito. Un dibattito che, tuttavia, è stato spesso inquinato da tesi complottiste e teorie a dir poco fantasiose. I toni cospirazionisti, oltre a rendere più complicata la discussione, hanno peraltro contribuito a suscitare una reazione uguale e contraria della controparte: per i «professionisti dell’informazione» sembra quasi che quel summit non abbia mai avuto luogo, o che comunque fosse poco più di una festicciola estiva. Eppure, semplicemente entrando in un’emeroteca, ci si accorge subito che l’importanza di quell’evento era avvertita già dagli osservatori dell’epoca. A onor del vero, è da dire che la nascita di tante esagerazioni è stata propiziata anche dalla segretezza imposta ai partecipanti dagli organizzatori del convegno, i cosiddetti «invisibili» della finanza anglosassone: una circostanza che non mancò di diventare materia di alcune interrogazioni parlamentari, tra cui quella molto dura di Antonio Parlato (Msi) nel marzo 1993.

Lo speciale sul Britannia fa parte del nuovo numero del Primato Nazionale, che può essere acquistato anche in versione digitale (clicca QUI)

Il discorso di Draghi nello speciale del Primato

Ora, nel trentesimo anniversario del summit, il Primato Nazionale ha ricostruito tutti quelli che sono stati definiti i «segreti del Britannia». Tra le altre cose viene anche pubblicato in versione integrale il celebre discorso introduttivo che tenne Mario Draghi, inviato sullo yacht dal suo mentore Guido Carli. In quelle parole, impregnate di retorica neoliberale, era già inscritto il disastro di una nazione che, solo l’anno precedente, si era laureata quarta potenza economica del pianeta. Una portata troppo ghiotta da lasciarsi scappare. E l’abbuffata, come sappiamo bene, ha fruttato un conto salatissimo. Che l’Italia sta ancora saldando.

Elena Sempione

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta