Il Primato Nazionale mensile in edicola

giorgia-meloni_650x447Roma, 23 mag – L’ennesima polemica su una possibile via da dedicare ad Almirante in un eventuale Comune di Roma a guida Giorgia Meloni è quanto di più scontato e inutile possa esistere. Da ogni punto di vista. Va da sé che non c’è davvero nessuno motivo per cui Roma non possa avere una via dedicata al defunto segretario missino. Almirante è stato il vero ispiratore e anticipatore del futuro centrodestra: ognuno valuti se questa sia una colpa o un merito, ma sta di fatto che si tratta del capostipite di esperienze politiche ampiamente sdoganate e con piena agibilità politica. Ha partecipato alla campagna razziale del fascismo? Certo, come metà classe dirigente della futura Repubblica antifascista (qualche giorno fa parlavamo del “padre costituente” Amintore Fanfani, anche lui firmatario del Manifesto della Razza).

E comunque se la logica è quella di avere una toponomastica di puro stampo liberaldemocratico, troppi nomi andrebbero cancellati, a cominciare dalla sterminata mole di riferimenti all’Antica Roma che costellano le strade romane. O davvero si ritiene che Furio Camillo e Augusto Imperatore siano più compatibili con l’attuale Stato italiano di Giorgio Almirante? Non c’è scandalo, quindi. Ma non c’è neanche particolare gloria. Cosa ne guadagnerebbe la memoria della destra se un largo in un giardinetto di periferia fosse dedicato ad Almirante? La via al personaggio caro è il modo più semplice per dare una colorazione “identitaria” a esperienze amministrative altrimenti incolori, quando non addirittura complici con lo schieramento opposto.

La leader di Fratelli d’Italia, del resto, riesuma il leader del Msi il giorno seguente al corteo di CasaPound, quasi a contrapporre un immaginario a un altro e convincere il pubblico di destra che sì, belle quelle bandiere al vento con vista Colosseo, ma quelli lì sono mezzo matti, la vera eredità almirantiana è incarnata dal più rassicurante partito conservatore guidato dall’ex attivista della Garbatella. Storace ha avuto buon gioco nel ricordarle che con Alemanno sindaco – un’esperienza che la Meloni tende a rimuovere – la destra capitolina è stata troppo impegnata a chieder scusa a chiunque per fare il pur innocuo passo di dedicare una via ad Almirante. Che poi anche Storace abbia poco da parlare, dopo l’intruppamento con il neo-partigiano in Ferrari Marchini, è un altro paio di maniche. In ogni caso, il fatto di essere stato padre politico di tutto ciò costituisce forse la colpa peggiore di Giorgio Almirante. Altro che leggi razziali.

Adriano Scianca

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta