Roma, 29 set – Joe Biden sale sul carrozzone anti Giorgia Meloni. Seppur in modo insolitamente sobrio e tranquillo, il presidente statunitense punta il dito contro l’esito delle elezioni italiane, come riporta Tgcom24.

Biden sulla Meloni e le elezioni italiane

Il contesto è quello di una raccolta fondi del Partito democratico statunitense, la Democratic Governors Association. Il presidente Joe Biden, prima di riferirsi alla Meloni, stava buttando in campo la solita retorica del “destino della democrazia” nel mondo. Ovviamente, anche in vista delle consultazioni di medio termine, il focus dei dem oltreoceano è ben concentrato sulla demonizzazione degli avversari interni, che l’inquilino della Casa Bianca certamente non tralascia. Poi arriva la dichiarazione in cui Biden, senza mezzi termini, cita la vittoria della Meloni come un momento di probabile “oscurità” che coinvolgerà la inflazionatissima “democrazia da pensiero unico”: “Avete appena visto cosa è accaduto in Italia in quelle elezioni. Vedrete cosa accadrà nel mondo. La ragione per cui mi preoccupo di dire questo è che non potete essere ottimisti neppure su cosa accadrà qui”.

Il futuro fosco del “governo delle destre”

Per carità, paragonata ai deliri della stampa mainstream italiana ed europea, la punzecchiata di Biden alla Meloni è acqua fresca. Da queste parti, oltre alle solite grida disperate riguardanti l’avvento del fascismo, si sono espressi terrore e paura manco stesse per vincere chissà quale partito estremista. E in effetti, sulla stampa continentale più volte di è definita la Meloni stessa come leader di un partito “di estrema destra”. Un delirio così diffuso che, per citare l’inflazionatissimo Goebbels, ad un certo punto pareva diventato quasi concreto. Unica eccezione, il The Telegraph britannico il quale – viva Dio – ha criticato la definizione sulla Meloni e sul suo partito quale “assurda”. Come a dire che ogni tanto, per sbaglio, qualche giornalista animato da lucidità esiste ancora.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Aò, ndo vado? ndo sto? acchiappatemene se casco! che devo fa? che sto a dì? che devo di? E tu chi sei caro? Ne abbiamo viste di scenette cosi…Vi ricordate il carbonaro del marchese del Grillo…

  2. “Avete appena visto cosa è accaduto in Italia in quelle elezioni. Vedrete cosa accadrà nel mondo. La ragione per cui mi preoccupo di dire questo è che non potete essere ottimisti neppure su cosa accadrà qui”

    te lo dico io che cosa accadrà,macellaio sinistrato:
    che tornerà su trump,
    e tutte le schifezze che state facendo in giro per il mondo a cominciare dall’ucraina,
    perderanno forza e si spegneranno….

    perchè trump aveva GIA’ cominciato,a tirare i remi in barca della vostra schifosissima politica di aggressione economica e di guerra travestita:

    poi sei arrivato tu,ed è finito tutto in vacca….
    e non sarai mai abbastanza maledetto,per questo.

Commenta