I ceppi microbici, i microrganismi standardizzati, trovano ampio utilizzo nei laboratori microbiologici e di controllo qualità in tutti i settori. Le loro applicazioni sono molteplici: ad esempio, vengono utilizzati per i test di fertilità e selettività sui terreni di coltura, oppure per la verifica dell’attività di sostanze battericide o batteriostatiche, per il Microbial Limit Test su prodotti farmaceutici, ma anche per la verifica dell’efficienza dei filtri e il controllo dei sistemi di identificazione batterica.

Come procurarsi i ceppi microbici

In questo senso, KAIROSafe è il distributore esclusivo dei ceppi microbici ATCC®* Licensed Derivative di marchio Mecconti. I microrganismi si presentano in forma di pellet/pallina liofilizzata, da sciogliere con la soluzione reidratante fornita.

Come conservarli

Il confezionamento primario realizzato da KAIROSafe è singolo, peculiarità che consente di mantenere più a lungo la freschezza dei ceppi e di evitare contaminazioni e sprechi. I ceppi batterici vanno conservati a 2-8°C e la shelf life è di circa 12 mesi per i ceppi titolati e 12-24 mesi per quelli non titolati.

Inoltre, i microrganismi liofilizzati possono essere qualitativi o quantitativi, e sono ideali ai fini del controllo qualità per eseguire test di fertilità, test di selettività, quindi growth promotion testing, challenge test, validazioni di test di identificazione, efficacia antimicrobica e tanto altro.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. I ceppi microbici ci servono per eliminare le cagate umane, sia endogene che esogene. A buoni intenditori…

Commenta