Il Primato Nazionale mensile in edicola

ConfindustriaRoma, 27 giu – Doveva essere l’anno della svolta, ma si chiuderà con un sostanziale nulla di fatto. Dal 2007 ad oggi, i più variegati segnali sono stati sempre entusiasticamente interpretati come punti da cui partire per agganciare una sempre più lontana crescit che, puntualmente, non si è verificata.



Enrico Letta, a fine 2013, aveva fissato l’asticella all’1%. Una soglia psicologica, un obiettivo che potesse davvero segnare il cambio di marcia. I numeri si erano poi via via assottigliati, con l’immediato rientro in “area prefisso” attorno al più contenuto 0.7%. Al giro di boa di metà anno, il centro studi di Confindustria rivede ulteriormente le stime: un modesto 0.2% quest’anno, l’1% solo con il 2015. Motivo della revisione l’inatteso calo del primo trimestre, originariamente previsto in crescita.

Black Brain

Si tratta di previsioni, con tutto il corollario di incertezze. Si legge nel rapporto: «Il recupero sarà lento e soggetto a rischi al ribasso», non escludendo quindi che -a consuntivo- si possa addirittura rientrare nell’area della stagnazione o, peggio, della recessione. Le necessità sono messe nero su bianco e secondo l’associazione guidata da Squinzi occorre «Ripartire dagli investimenti, ridurre e semplificare la tassazione sul reddito di impresa per fare impresa, sbloccando il credito e sfruttando appieno gli importanti fondi della precedente e attuale programmazione europea».

Nonostante le critiche degli industriali, il sottosegretario alla presidenza del consiglio Graziano del Rio ostenta comunque sicurezza: «Per adesso siamo fiduciosi della nostra previsione», che vede un ormai improbabile recupero del +0.8% alla fine dei dodici mesi. Confindustria da parte sua ritiene non più derogabile «Una scossa politica-economica molto forte». Non una bocciatura per il governo Renzi, ma un avviso:  al di là degli annunci e delle (poche) misure-spot fin qui adottate, le vere partite per lo sviluppo restano ancora da giocare.

Filippo Burla

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

Commenta