Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 28 feb – Italia in prima linea per ricostruire il periodo esatto in cui il coronavirus cinese è sbarcato sul nostro territorio. “Il nostro laboratorio ha appena pubblicato uno studio su 52 sequenze virali, tutte ottenute in Cina, che ci ha consentito di datare tra la fine di ottobre e la prima metà di novembre la comparsa del virus come virus in grado di infettare l’uomo”. Parola di Massimo Galli, direttore dell’Istituto di scienze biomediche dell’Ospedale Sacco di Milano, che spiega a NewsMediaset come lui e il suo team sono riusciti a isolare il ceppo italiano del coronavirus. “Per capirci – precisa Galli – il virus è arrivato dall’Oriente, parliamo di ‘italiano’ perché isolato in persone italiane che non risulta abbiano avuto contatti con la Cina – cioè con il Paese dov’è nato il problema – ma che si sono infettati qua, contagiati da altre persone che non sappiamo se hanno o no viaggiato in Cina. Quindi è un virus che ha circolato in Italia“.

Attraverso sequenza molecolare del virus possibile datare arrivo in Italia

La sequenza molecolare del virus è importante non solo per l’individuazione di un vaccino e di una cura, ma perché serve a capire come e quando è avvenuto il contagio. “Possiamo forse con questo dare anche un po’ una mano alla futura ricerca sui vaccini perché abbiamo comunque la eventuale variante Italia”, afferma Galli. “Sui ceppi italiani – conclude l’esperto di malattie infettive – ma ancora di più sulle sequenze che si potranno e che stiamo estraendo insieme ad altri laboratori dai campioni dei pazienti, potremo ricostruire l’evoluzione del virus in Italia e vedere se riusciamo a capire attraverso questa evoluzione quando è possibile datare il suo arrivo nel nostro Paese“.

La ricerca

La ricerca citata da Galli – in via di pubblicazione sul Journal of Medical Virology e accessibile sul sito MedRxiv – è stata condotta nel dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche dell’Ospedale Sacco di Milano e nel Centro di ricerca di Epidemiologia e sorveglianza molecolare delle infezioni (Episomi), che fa capo all’Università Statale di Milano. Autori della ricerca sono Alessia Lai, Annalisa Bergna, Carla Acciarri, allo stesso Galli e Gianguglielmo Zehender. Secondo lo studio, il coronavirus è comparso in Cina “alcune settimane prima rispetto ai primi casi di polmonite identificati”. A dicembre, inoltre, l’epidemia ha avuto a partire da dicembre una “super accelerazione”. Oggetto dell’indagine 52 genomi virali completi di Sars-Cov-2 depositati in banche dati al 30 gennaio 2020. “La ricerca ha consentito la datazione dell’origine e la ricostruzione della diffusione dell’infezione nei primi mesi dell’epidemia in Cina – sottolineao gli studiosi – attraverso la stima di parametri epidemiologici fondamentali come il numero riproduttivo di base (R0) e il tempo di raddoppiamento delle infezioni”.

Adolfo Spezzaferro

1 commento

Commenta