Crotone, 22 ago – Appiccava incendi dando fuoco alle sterpaglie della rotonda di accesso ad Isola di Capo Rizzuto (Crotone), mettendo a rischio l’incolumità dei guidatori, ed è stato denunciato a piede libero. M.A., 31enne ghanese, è stato colto sul fatto da alcuni automobilisti, che hanno poi allertato le forze dell’ordine, mentre incendiava erbe e rami a bordo strada lungo la Statale 106.

Alcuni di loro sarebbero scesi dai propri mezzi, cercando di dissuadere l’immigrato dal compiere il gesto: tutto inutile, l’uomo dava segni di non comprendere (o non voler comprendere) e anzi continuava nella sua opera di innescare altri piccoli roghi. Dopo alcuni cauti tentativi, agli automobilisti non è rimasto altro che contattare e forze dell’ordine, che in breve tempo sono giunte sul posto. Per primi sono arrivati gli agenti di servizio presso il Cara “Sant’Anna” di Isola di Capo Rizzuto, che allarmati dalla colonna di fumo che saliva dalla strada, si sono mobilitati poco prima della chiamate dei cittadini. Una volta sul posto hanno fermato l’immigrato prima dell’intervento delle volanti della questura di Crotone.

L’uomo ha spiegato agli agenti che il giorno successivo si sarebbe dovuto presentare per la prevista audizione alla Commissione Territoriale per il riconoscimento dello status di rifugiato. E quale miglior biglietto di presentazione per un colloquio, l’appiccare fuoco a una rotonda nel Paese che ti deve ospitare? Il ghanese ha quindi giustificato il gesto con la necessità di scaldarsi per la notte (a Crotone, il 20 di agosto), non avendo un posto dove trascorrerla al riparo dal freddo. Inutile dire che il racconto non ha convinto le forze dell’ordine. Lo straniero ha ricevuto una denuncia a piede libero con l’accusa di incendio.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedente“Zingaretti come Giuda”: rabbia dei pentastellati contrari all’alleanza col Pd
Articolo successivoNuova Zelanda, Mallard allatta figlio di coppia gay in Parlamento
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

4 Commenti

  1. Crotone oggi
    minima 23
    massima 31
    ….
    io accenderei il condizionatore ,
    di sicuro non vengono qui per il clima.

    A Milano ho trovato un bongo che (a parte fare il parcheggiatore abusivo) mi fa :

    ghe galdo a milano

    e c’erano solo 28° ….

  2. Se si dava fuoco, risolveva 2 problemi. Il suo per il freddo e il nostro per un clandestino di meno sul groppone

Commenta