Home » Devastazioni in Francia, striscioni di CasaPound a sostegno dei giovani identitari: “L’Europa non è ancora morta”

Devastazioni in Francia, striscioni di CasaPound a sostegno dei giovani identitari: “L’Europa non è ancora morta”

by Cristina Gauri
1 commento
casapound francia

Roma, 7 lug — «L’Europa non è ancora morta, sostieni la gioventù a difesa della Francia»: affiggendo centinaia di striscioni nelle principali città italiane CasaPound Italia si schiera a sostegno dei giovani d’Oltralpe che nell’ultima settimana, da Lione a Marsiglia, passando per Angers e Chambery, hanno difeso le città dalle devastazioni e dai saccheggi dei «nuovi francesi».

CasaPound a sostegno dei giovani patrioti francesi

«La situazione in Francia è l’ennesima prova del fallimento di ogni politica di integrazione», spiegano le tartarughe frecciate in una nota. «La rivolta delle banlieue è mossa da un odio antifrancese e antieuropeo, come dimostrano i linciaggi e gli attacchi contro cittadini francesi inermi, colpevoli di rappresentare agli occhi degli immigrati di seconda e terza generazione il privilegio dell’uomo bianco europeo». Siamo ormai alla trasposizione nella realtà concreta «di quello che è lo scenario descritto da Jean Raspail nel suo Campo dei Santi: un’Europa non in grado di difendersi, che parla di pace e umanità mentre viene messa a ferro e fuoco da chi non è, e non vuole essere, europeo», continua CasaPound.

Colpevoli di amare la Francia 

L’unica speranza, prosegue il comunicato, «è rappresentata da quei giovani francesi che, nonostante accuse e repressione, stanno difendendo in prima persona abitazioni e negozi dai saccheggi». Emblematico il caso dei militanti del Red di Angers, l’organizzazione degli studenti identitari finita nel mirino della procura e additata dalla stampa mainstream come «pericolosi estremisti» per aver «osato» ribellarsi a raid e saccheggi delle orde straniere contrapponendosi a chi stava generando il caos nella loro città.

Insorgere contro il fatalismo

Attaccati fisicamente su più fronti, per giorni interi, da selvaggi armati di machete, coltelli e mortai, con una violenza e una bestialità indicibile, (riuscendo, nonostante tutto, a respingere la feccia assalto dopo assalto), demonizzati dai politici progressisti e dai tirapiedi della stampa mainstream impegnata in questi giorni a distorcere capillarmente la realtà dei fatti, ignorati dalla «destra» istituzionale, i ragazzi del Red devono ora affrontare la macchina della repressione messa in moto dalle autorità d’Oltralpe. «Il nostro sostegno — conclude CasaPound Italia — va a loro e a quei giovani Europei che, nonostante tutto, non si arrendono di fronte al fatalismo».

Cristina Gauri

Per chi volesse contribuire alle spese legali dei militanti Red, pubblichiamo il link PayPal QUI 

You may also like

1 commento

Lappola 7 Luglio 2023 - 2:10

Non condivido la corsa per difendere la Francia. Restate in Italia, tra pochissimo sarà l’Italia ad aver bisogno di voi, aspettate che un negro abbia un’unghia incarnita e la vostra voce sarà utile per evitare di trovarci gli “ospiti” seduti nelle poltrone dei sindaci, dei presidenti, dei deputati, dei generali, e noi costretti a guardare le fiabe alla TV rinchiusi in casa.

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: