Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 mar – “Non posso più tacere, la rabbia e il dolore sono forti e non voglio e non devo più contenerli. Siamo un Paese in emergenza, in guerra. Sì in guerra, i decreti non servono più a nulla, sono confusi, servono a indebolirci e non a rinforzarci. Sono pallottole al sale quando metaforicamente servirebbero quelle vere“. E’ il duro sfogo del comandante Alfa, 47 anni di servizio da carabiniere e una croce d’oro al merito, fondatore nel 1978 del Gruppo intervento speciale (Gis). Parole che sono rimbalzate sui social e che hanno dato la stura ai soliti piagnistei di certa sinistra, sempre pronta a stracciarsi le vesti contro il pericolo autoritario. “Dove siete tutti voi politici salvatori del popolo, dove siete nascosti, con i vostri sorrisi, i proclami e i video ipocriti e inopportuni. Dove sono le signore con le gambe accavallate che spopolavano in tv difendendo o attaccando a destra e a manca? Dove siete voi che salendo sulle navi pirata avete incensato e legittimato l’aggressione ai nostri militari della Guardia di Finanza”.

“Dove sono le sardine e i centri sociali?”

Ma la frase chiave che più ha scatenato i piagnistei è questa: “Dove sono le sardine e i centri sociali sempre pronti a scendere in piazza contro e mai per?“. Che siano banalmente scomparsi, sia le sardine dem che i centri sociali antifa’, è sotto gli occhi di tutti. Fa ancora più ridere quindi leggere l’indignazione social di chi ripudia la guerra e si tiene il golpe bianco di Conte, che decide tutto da solo, di notte, su Facebook, spalleggiato dal governo più a sinistra della storia repubblicana.

“Siamo in guerra e voi vi nascondete come topi?”

Prendete le vostre mascherine, mettetevi una tuta da palombaro e correte a supportare e portare vicinanza ai soldati in prima linea. Sanitari, militari, autotrasportatori, operatori del commercio, volontari e tanti altri che rischiano la vita per tutti noi e anche per voi. Il Parlamento è chiuso? Vi riunite due volte a settimana? Siamo in guerra e voi vi nascondete come topi? No, non possiamo accettarlo. Questa volta la misura è colma, penso a coloro che stanno rischiando e combattendo con pochissime armi, a volte addirittura senza. Un popolo si riconosce da chi lo rappresenta, ma io in questo momento non vedo nessuno”, è il durissimo attacco del fondatore delle teste di cuoio dei carabinieri (qui potete leggere il testo integrale).

“Dove sono i vostri sacrifici?”

Chiudete tutto, lasciando aperti i servizi essenziali per la sopravvivenza, garantendo agli operatori la tutela adeguata. Schierate l’esercito, istituite il coprifuoco, chiudete i confini, i porti, sigillate il nostro Paese all’Europa che ci ha lasciati soli e che ci ha presi in giro senza che nessuno dei nostri governanti ci abbia difesi. Siamo eccellenza in tutti i campi, cultura, sanità, intelligence, militare ecc. e voi a colpi di decreti a puntate, peraltro confusi e spesso impraticabili, chiusi nelle vostre dimore, nei vostri agi non date l’esempio. Non ho sentito né letto un sacrificio da parte vostra, la rinuncia ai vostri benefici.. dove sono i vostri sacrifici?

L’attacco contro Conte e Casalino

Infine un attacco durissimo al governo giallofucsia, al premier Conte e allo scaricabarile sui cittadini: “Siamo rappresentati da un ex partecipante al Grande Fratello? Questo è quello che meritiamo? No, chiedete unità e cantate l’inno di Mameli ma non ne siete degni. Il popolo lo canta per farsi forza, per sentirsi unito e con un’identità, voi per mettervi in mostra. Un premier non eletto che si presenta con la bandiera europea in bella vista e non con il Tricolore per il quale tanto sangue è stato versato dai nostri padri mi strazia“.

Guerini: “Condanno con tutta la forza le sue parole gravissime e inaudite”

Parole assolutamente condivisibili, quelle del comandante Alfa, da anni in pensione, che però sono state condannate dal ministro della Difesa, il dem Lorenzo Guerini, che le ha definite ”gravissime e inaudite. Le condanno con tutta la forza, pur se pronunciate da chi è in congedo da anni. Le Forze armate – continua Guerini – sono presidio a servizio del Paese e delle sue istituzioni democratiche. Come anche in questa emergenza stanno dimostrando”.

Ludovica Colli

La tua mail per essere sempre aggiornato

9 Commenti

  1. Ma chi è L. Guerrini?! Un estemporaneo da tutti i punti di vista. Ci vogliono ben altre persone per criticare, replicare, collaborare costruttivamente…

  2. ma che ragionamento é ? cosa c’entra Conte in un emergenza che non ha precedenti . le sardine ? si sono feccia , ma che c’entra ,qui ci vuole personale SPECIALIZZATO , La colpa è di 35 anni di governi schifosi che hanno conciato il sistema in queste condizioni, hanno pensato solo al loro portafogli e sono ancora e sempre li nelle istituzioni ,se avremo grazia di uscire da questo schifo spero che il popolo trovi il modo di organizzarsi, processare e chiedere i danni a tutti i politici che hanno avuto ruoli istituzionali ,DESTRA O SINISTRA indistintamente

  3. LE SACROSANTE PAROLE DI QUESTO ECCELLENTE MILITARE, ANCHE SE ORA IN PENSIONE, CONFERMANO QUANTO UOMINI DI CALIBRO COME LUI, VOTATI AL CORAGGIO, AL DOVERE, AL SACRIFICIO HANNO DOVUTO SOPPORTARE E INGOIARE INDEBITAMENTE DA PARTE DI UNA INDEGNA E MISEREVOLE CLASSE DI POLITICHUME DI SINISTRA CHE, COME SEMPRE VESSILLO DI IDEE FASULLE, ASTRUSE, UTOPISTICHE, FINTAMENTE PROGRESSISTE, NATURALMENTE EVERSIVE E ANTINAZIONALI, HA IMPOSTO AL PAESE ITALIA E ALLE SUE RADICI ANTICHE E TRADIZIONALI CONVINCIMENTI E IMPOSIZIONI PARTIGIANE E SOVVERSIVE SMANTELLANDO QUELLE BASI STORICHE ANTICHE CHE REALIZZARONO IL VALORE ETICO DELLO STIVALE.

    LE ACCOZZAGLIE DI PIAZZA, MUTEVOLI NEI NOMI, COME IL VIRUS PESTIFERO CHE CI SOFFOCA IN QUESTI ORRIDI GIORNI, SONO, ERANO, SARANNO, SE SI RICOMPORRANNO ANCORA , L’ESPRESSIONE DI QUEL MALEDETTO PATOLOGICO MALE SOCIALE CHE CORRODE DA TROPPI DECENNI OGNI TENTATIVO RAZIONALE DI EMANCIPAZIONE CULTURALE (LA VERA CULTURA, NON QUELLA DI CUI I MARXISTI CREDONO DI ESSERE UNICI EGEMONI! ) E SPIRITUALE DEL POPOLO ITALICO E CONTINENTALE.

    QUESTO MILITARE E TUTTI QUELLI IN DIVISA CHE GARANTISCONO LA CONVIVENZA MERITANO UNO STATO DEGNO DEL LORO IMPEGNO.

  4. Le persone che non fanno lavori essenziali previsti dai dpcm devono stare a casa. Forse qualche “sardina” e qualche frequentatore/trice dei centri sociali sono medici, infermieri, oss, ambulanzieri, rianimatori, farmacisti, addetti di supermercati, trasportatori, addetti delle poste nel qual caso lavorano. Altrimenti sono a casa

  5. Belle PAROLE Comandante ….
    Come ha fatto Putin , l’ emergenza andava trattata come un attacco NBC .
    Eravamo in grado di farlo nel 1978 … poi hanno inventato la
    Protezione Civile , danari a pioggia per idioti che indossano un golfinetto blu ….

    Il mio BTG è intervenuto nei terremoti , alluvioni , antiterrorismo ….
    oltre a controllare l’ area malsana di Seveso .
    Avevamo un Ospedale MOBILE ( da campo fa cagare …) ed eravamo in
    grado di montarlo in 4 ORE (non 10 GG come i Cinesi) .
    Potevamo partire da Malpensa con elicotteri Boeing CH-47 Chinook
    per interventi in ORE , non giorni !!!! Il tutto coi najoni ….

    Quel BTG oggi NON ESISTE PIù !!!!

    Mi scusi , ma …. dov’eravate quando i politici BUTTAVANO nel CESSO
    l’ ESERCITO per riempirsi le tasche con la Protezione Civile ????
    E già lo facevano con i rifornimenti militari , le dice nulla il nome Antelope Cobbler ????

    ADESSO le rode il culo ???
    Avreste dovuto chiedere una Guardia Nazionale , gestita da riservisti ,
    al posto di quella BUFFONATA creata da Zamberletti ….

    E col virus … CRISTO ! ma le palle DOVE le hanno lasciate
    Colonnelli e Generali ????? … un attacco NBC gestito da civili col golfino ….
    Ma i morti li portano i Soldati ….. già , i lavori di m… i civili NON li fanno , mica fanno audience ! e sti cazzi !

    Penso al comandante della mesta autocolonna, cui porto rispetto …. un civile col golfino blu NON ha i COGLIONI per fare certe cose , cose che TI segnano …
    E le Scuole Militari NON ti preparano a questo .

    Ho visto i filmati del Vajont …. a fare il lavoro brutto c’era l’ Esercito non un
    qualunque Bertolasino ….

    Mi scusi comandante , ma trovo TARDIVO quello che dice , ora che
    non rischia più nulla criticando i Politici ….. DOVEVA FARLO PRIMA !!

    …. diversi Ufficiali l’ avrebbero seguita ….. me compreso .

    Ad Maiora

Commenta