Il Primato Nazionale mensile in edicola

Frosinone, 18 apr – I carabinieri di Piedimonte San Germano (Frosinone) hanno eseguito questa notte l’arresto di Donatella Di Bona, 29 anni, con l’accusa di aver ucciso il proprio figlio Gabriel Feroleto, di due. La donna nella giornata di martedì aveva chiamato ambulanza e forze dell’ordine per denunciare l’investimento del piccolo da parte di un pirata della strada. I carabinieri, sospettando sin da subito che la madre stesse nascondendo qualcosa, l’hanno messa alle strette con un incalzante interrogatorio che ha portato i militari alla conclusione: sarebbe stata Donatella Di Bona a strangolare il bimbo. Era parso subito chiaro che il racconto della madre presentasse incongruenze con la scena che si presentava a chi era arrivato per soccorrere Gabriel. Secondo i militari è stata lei, forse colta da un raptus di follia, a strangolare Gabriel mentre faceva qualche capriccio perché voleva tornare dalla nonna, che abita vicino a loro. “Piangeva e voleva tornare a casa dalla nonna, gli ho stretto il collo e chiuso la bocca per farlo stare zitto”, è la confessione riportata da FrosinoneToday. La donna aveva dapprima detto di essere stata lei ad investirlo, ma il veicolo non presentava danni, mentre invece la Di Bona presentava graffi e lividi, segni probabilmente lasciati del bambino mentre lottava per la propria vita. 

Il racconto della vicina

Così una vicina di casa della madre di Gabriel ha raccontato ai microfoni di CiociariaToday di non conoscere molto Donatella, “non è che la frequentassi molto. Vedevo il bambino quando uscivano e passavano davanti casa. A volte il piccolo si allontanava da solo, diceva ridendo che doveva andare al bar, ma poi veniva ripreso e riportato dentro”. Il bambino, spiega la donna, era “allegro e solare, quello che è successo mi ha sconvolto”. La donna, afferma la vicina, “aveva anche rapporti abbastanza normali con il marito, che vive altrove, spesso veniva a trovare il figlio, il piccolo Gabriel, e a quanto ne sappiamo avevano rapporti civili. L’unico elemento che fa pensare e riflettere è che negli ultimi tempi Donatella diceva di stare male e di frequente veniva portata in ospedale, anche in ambulanza: brevi permanenze, roba di mezza o un’intera giornata, nel nosocomio di Cassino, poi tornava a casa. Forse, ma è una supposizione, non stava bene di animo, forse era depressa, ma queste sono cose che solo lei e i medici sanno”.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

Commenta