Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 4 feb – A Roma si rincorrono impazzite le voci relative a una “inversione a U” di Beppe Grillo in merito al neonato governo Draghi. A quanto emerge da alcune indiscrezioni, ora il comico genovese ha abbandonato i toni bellicosi per definirlo “una grande opportunità politica”.

Draghi, “inversione a u” di Grillo?

Secondo quanto riporta Adnkronos, ieri Beppe Grillo si sarebbe messo al telefono senza sosta, arrivando ad oggi. Tra i contattati per definire le nuove priorità politiche del M5S anche Virginia Raggi e Chiara Appendino, ma anche altri personaggi storici dei pentastellati come Max Bugani. Insomma, Grillo sembrerebbe seguire la stessa sposa la stessa linea adottata nel 2019, quando portò il M5S al sodalizio con il Pd. Ai ministri che martedì lo hanno sentito, Grillo avrebbe detto “mai con Draghi, avanti con Conte”. Ora che la salita al Colle di Draghi ha sparigliato le parti, urgerebbe un cambio di tattica.  Ecco perché il garante ha deciso in tal senso: anche per “rispetto del Colle”.

La “grande opportunità” del M5S

Stando sempre a quanto riporta l’Adn, Grillo avrebbe chiamato tutti i suoi accoliti definendo il governo Draghi “una grande opportunità”. Lo riporterebbeo diverse voci interne al Movimento. L’opportunità, manco a dirlo, sarebbe quella di tornare al governo. La condizione posta da Grillo e dai suoi sarebbe quella che vede l’esecutivo Draghi come politico, con qualche posticino riservato ai grillini. Chiamate sarebbero state fatte dunque anche a Giuseppe Conte, valutando un suo ruolo di “federatore” della coalizione che sfiderà al centrodestra alle prossime elezioni.

Di Battista e i “nemici” di Draghi

Grillo dovrà comunque combattere con i “perplessi” dentro al Movimento e con chi, come Alessandro Di Battista, è uno strenuo nemico di Draghi. Che ai suoi compagni di movimento ha anche posto un appello: “Le pressioni saranno fortissime. Vi accuseranno di tutto. Di essere artefici dello spread. Di irresponsabilità. Di blasfemia perché davanti all’Apostolo Draghi non vi siete genuflessi. Voi non cedete. Questa “manovra” è stata pensata ad hoc per indebolire il Movimento e plasmare il Recovery ad immagine e somiglianza di Confindustria. Non cedete. Dovranno farcela con le loro forze, non con il nostro avallo”. Vedremo cosa farà Grillo …

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Grillo è dai tempi che pubblicava con la Feltrinelli che voleva diventare uomo sistema! Fate un po’ i conti. Chi davvero ha creduto in lui non sapeva un c…o!

  2. Avrà saputo di quello che accadde sul panfilo Britannia ai primi di giugno del 1992, al largo di Civitavecchia.

Commenta