Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 ago – Non poteva certo mancare l’opinione di Don Biancalani riguardo l’approvazione al Senato del dl Sicurezza bis. Del resto non si avevano sue notizie da un po’. Il “parroco dei migranti” di Vicofaro (Pistoia) non ha perso l’occasione per dirsi “inorridito” ai microfoni dell’AdnKronos riguardo le misure contenute nel testo del decreto, considerate un’ulteriore minaccia per l’operato di chi lavora nel settore dell’accoglienza (e ci mangia, soprattutto).

Disobbedienza civile e luoghi comuni

Biancalani annuncia resistenza. “Da parte mia, e credo anche da parte di tanti altri operatori del settore, non solo uomini e donne di chiesa, ci opporremo in mille modi. Disobbedienza civile su tutta la linea, salvare e aiutare gli esseri umani è un dovere di tutti”, spiega il parroco. E poi via a sciorinare  soliti luoghi comuni: “È terribile perché sono persone che scappano da guerre e violenza, che cercano un rifugio, mentre vengono abbandonate a se stesse prima in mare e, se riescono a sbarcare, vengono abbandonate anche sul territorio”.

Preghiera a Mattarella

Don Biancalani chiede aiuto anche al capo dello Stato, perché rispedisca al mittente il decreto senza approvarlo: “Spero, anzi, chiedo al presidente della Repubblica Sergio Mattarella di non firmare nulla anche perché credo che si tratti di norme palesemente in contraddizione con i principi della nostra Costituzione”. E continua: “Lancio un appello alla politica perché prenda seriamente coscienza di questa situazione gravissima. Perché stiamo parlando, ribadisco, di esseri umani che soffrono l’inferno e cercano di sfuggire a violenze e soprusi”. Dal canto suo il prete promette di continuare a occuparsi “di questi ragazzi, come li chiamo io. Non mi interessano provvedimenti, norme, decreti o altro, darò assistenza finché potrò a coloro che ne hanno bisogno”.

La frecciata a Salvini

E a Salvini cosa si sente di dire, il don più etnomasochista dello Stivale?.”A Salvini dico che a mio parere si è assunto una grave responsabilità rispetto a centinaia, migliaia di esseri umani che grazie a questo provvedimento saranno sempre più soggetti a soprusi e violenze e, nonostante tutto, continueranno a rischiare la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo e approdare in un luogo più sicuro da quello da cui provengono. Salvini ha un’enorme responsabilità morale e spero ne sia consapevole”.

Cristina Gauri

6 Commenti

  1. Spero che nel decreto sicurezza bis, o tris che sia, siano previste pene severissime per i sedicenti “disobbedienti”. Cosi come vengono vessati e sanzionati i cittadini onesti e produttivi al loro minimo errore ed alla minima, e il più delle volte inconsapevole, omissione. Che questi ” disobbedienti”, guarda caso autentici criminali, e sempre orientati a sinistra, vengano resi, finalmente, incapaci di nuocere, e costretti a rispondere dei danni che causano penalmente, (con lunghi soggiorni nelle Patrie galere a regime di carcere duro), e civilmente. (Costretti a risarcire i danni con tanta dollaranza, o, in mancanza di quella, con tanto, tanto, tanto lavoro forzato.

  2. Il pretonzo a cui piacciono i maschioni musulmani si crede anche un costituzionalista! E parla di centinaia di migliaia di persone da accogliere! Dice “CREDO che si tratti di norme palesemente in contraddizione con i principi della nostra Costituzione”.Un vero credino e purtroppo sono in tanti quelli che remano contro il popolo italiano e le sue tradizioni spesso per biechi motivi o solo per superficialità nel voler seguire delle vecchie mode esterofile

  3. La Chiesa sospese “a divinis” Don Baget Bozzo per molto meno ….
    (adesione al PSI , di Craxi , firmatario del 2° concordato …)

  4. Allora… Ci sarebbe da sospendere “ad divinis” svergoglio per primo! Il pesce marcisce sempre dalla testa…..

  5. Allora… Ci sarebbe da sospendere “ad divinis” svergoglio per primo! Il pesce marcisce Esempre dalla testa…..

Commenta