Roma, 1 lug – Buone notizie sul fronte del mercato del lavoro. A maggio il tasso di disoccupazione cala al 9,9% (-0,2 punti percentuali). Lo rende noto l’Istat in un comunicato. Le persone in cerca di occupazione, rileva l’Istituto statistico, sono in calo (-1,9%, pari a -51 mila). La diminuzione è determinata da entrambe le componenti di genere ed è distribuita in tutte le classi d’età tranne i 35-49 enni. Inoltre, dopo la sostanziale stabilità registrata ad aprile, a maggio 2019 la stima degli occupati risulta in crescita rispetto al mese precedente (+0,3%, pari a +67 mila); anche il tasso di occupazione sale al 59,0% (+0,1 punti percentuali). L’aumento dell’occupazione, rileva l’Istat, si concentra tra gli uomini (+66 mila) mentre risultano sostanzialmente stabili le donne; per età sono stabili i 15-24 enni, in calo i 35-49 enni (-34 mila) e in aumento le altre classi di età, prevalentemente gli ultracinquantenni (+88 mila). Si registra una crescita sia degli indipendenti (+28 mila) sia dei dipendenti, permanenti e a termine (+39 mila nel complesso).

Occupazione in crescita anche su base annua

Anche su base annua l’occupazione risulta in crescita (+0,4%, pari a +92 mila unità). L’espansione riguarda entrambe le componenti di genere, i 15-24 enni (+43 mila) e soprattutto gli ultracinquantenni (+300 mila) mentre risultano in calo le fasce di età centrali. La crescita nell’anno si distribuisce tra dipendenti permanenti (+63 mila), a termine (+18 mila) e indipendenti (+12 mila). Rispetto all’anno scorso, la crescita degli occupati si accompagna a un notevole calo dei disoccupati (-6,9%, pari a -192 mila unità) e a una sostanziale stabilità degli inattivi tra i 15 e i 64 anni.

Salvini esulta: “Avanti così, tagliare la tasse dovere morale”

“Disoccupazione sotto il 10% per la prima volta dopo anni, lavoratori italiani in crescita e ai massimi storici dal 1977. Avanti così, tagliare le tasse a imprenditori, lavoratori e famiglie è un dovere morale”, è il commento del vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

M5S: “Chi ha scommesso su sconfitta Paese adesso chieda scusa”

“In questo primo anno al governo i sedicenti ‘competenti’ ce ne hanno dette di tutti i colori. Hanno attaccato i nostri provvedimenti, dal decreto Dignità al salario minimo passando per il Reddito di cittadinanza, paventando l’Apocalisse; hanno chiamato Di Maio ‘ministro della disoccupazione’. Invece oggi l’Istat dice non solo che a maggio la disoccupazione è scesa dello 0,2% mentre quella giovanile ha fatto segnare un -0,7% calando al 30,5%, ma che il tasso di occupazione è salito al 59%, il valore più alto da quando sono disponibili le serie storiche cioè dal 1977. Tutti quelli che a vario titolo avevano scommesso sulla sconfitta del Paese hanno sonoramente perso. Se gli è rimasto un briciolo di dignità oggi dovrebbero fare solo una cosa: chiedere scusa, in primis ai cittadini. Noi nel frattempo continuiamo a lavorare per il loro bene, ridandogli dignità e diritti”. Così in una nota i senatori del Movimento 5 Stelle in commissione Lavoro.

Sindacati, consumatori e associazioni di categoria plaudono ai numeri Istat ma chiedono al governo di sostenere la crescita. In modo tale che questo risultato non resti un caso isolato.

Ludovica Colli

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here